Home Rubriche Go Green

Servono maggiori controlli sulla vendita di fave sfuse

Fave in vendita senza le dovute indicazioni, questa la segnalazione di una nostra lettrice

SHARE

Pubblichiamo la segnalazione arrivata a lettori@urloweb.com da una nostra lettrice.

Con l’arrivo della primavera ho notato che tanti fruttivendoli mettono in bella mostra le fave, alle volte all’esterno dei negozi e senza nemmeno il cartello che informa della vendita.

A Roma c’è un’ordinanza del 2010 che, oltre a vietare la coltivazione delle fave nelle aree metropolitane e vicino ai centri abitati, prevede anche l’apposizione di un cartello di dimensioni minime 30 x 40 centimetri.

Pensate che la norma indica anche il testo che deve essere esposto: “Avviso ai cittadini a rischio di crisi emolitica da favismo: In questo esercizio commerciale sono esposte fave fresche sfuse”.

In tanti Comuni ci sono addirittura ordinanze che vietano la vendita di fave non impacchettate. Possibile che nella Capitale non si possano fare controlli e sanzionare questi comportamenti?

Grazie per quanto potrete fare

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni a lettori@urloweb.com


Warning: A non-numeric value encountered in /home/www/urloweb.com/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353