Home Rubriche Sport locale

Basket: Roma Gas & Power non stacca la NPC

La partita termina 73 ad 81 per i sabini

SHARE

Un 12-0 di parziale proprio nel suo miglior momento, dopo, cioè, la bomba del +6 (massimo vantaggio sul 71-65) segnata da Nicolas Stanic, è letale alla Roma Gas & Power, stroncata dalla maggiore aggressività di una NPC che passa con merito sul parquet del PalaTiziano.

In una partita abbottonata per tre quarti e mezzo abbondanti, nella quale nessuna delle due squadre assume mai un vantaggio superiore alle sei lunghezze se non col canestro finale di Zanelli, i sabini hanno la capacità di restare aggrappati alla gara con maggior presenza mentale quando Easley segna la schiacciata del +4 (37-33) e provano ad allungare nel terzo periodo, trascinati da un Sims a tratti incontenibile (bomba in transizione del 51-57).

Proprio due evitabili ingenuità del lungo americano, un tecnico per proteste ed un antisportivo ai danni di un Iannilli molto bene in campo anche per sopperire ai problemi alla schiena di Righetti (in panchina per tutto il secondo tempo), rimettono tuttavia in partita la Roma Gas & Power. In un secondo tempo in cui Deloach resta a secco per la grande difesa alle sue costole, i padroni di casa si affidano ad un ispiratissimo Malaventura (14 punti nella seconda metà), che firma anche il nuovo sorpasso (68-65) prima della bomba di Stanic che sembra dare il là alla fuga decisiva dei biancoblu. Ma è in quel momento che la NPC ha la forza di rimanere in partita, affidandosi alle giocate di Benedusi e ad una difesa che toglie ogni riferimento alla Roma Gas & Power, trovando a turno, dopo i quattro punti del suo numero otto, il pareggio di Pepper ed il sorpasso di Sims, a rimbalzo d’attacco (71-73).  La partita, quindi, cambia rapidamente padrone perchè, metaforicamente e fisicamente, la NPC depreda un paio di volte della palla l’Eurobasket, convertendo dalla lunetta, senza sbagliare mai, i liberi della staffa. Di Malaventura – l’unico canestro degli ultimi tre minuti – il sussulto finale (73-77) ma è troppo tardi per impensierire il nono successo stagionale degli amarantoceleste.

Evidentemente soddisfatto coach Luciano Nunzi a fine gara: “E’ stata una bella partita, di fronte ad una degna cornice di pubblico, ringrazio i tifosi per esserci stati vicino nelle difficoltà, come sul -6, per ritrovare la calma e rientrare in partita. Abbiamo attacco Roma dove volevamo, riuscendo a limitare quasi completamente Deloach nel secondo tempo, ma Roma è una grande squadra e ha trovato un Malaventura stratosferico, quindi la partita si è confermata sempre in equilibrio, decisa da qualche episodio nel finale”.

Di ben altro tenore il commento di Davide Bonora: “Avevamo la partita in pugno sul +6, ma non siamo riusciti a capitalizzare, ci sono mancate un po’ di energie fisiche e mentali per chiuderla, più che altro in attacco e invece ci siamo fermati. Dispiace perché era una bella occasione pur in mezzo a mille difficoltà, avendo giocato più o meno la partita che avevamo in mente”.

SHARE