Home Rubriche Sport locale

Garbatella Giardinetti, una storica doppietta

Il “miracolo” sportivo della squadra che porta il nome di due grandi quartieri della Capitale

SHARE

Tratto da Urlo n.158 Giugno 2018

GARBATELLA – È una delle imprese più difficili del calcio moderno. In Inghilterra la chiamano Double, in Spagna Doblete e in Italia Doppietta, ci sono tanti nomi per dire una cosa sola: una squadra di calcio ha vinto campionato e coppa. Questo miracolo sportivo è successo in questa stagione alla Juventus per il quarto anno consecutivo, ma non solo. C’è una squadra nel Lazio che ha seguito lo stesso percorso e ha dominato il campionato e vinto la coppa: il Garbatella Giardinetti. Nata dalla fusione tra le storiche squadre romane che portano i nomi dei rispettivi quartieri di appartenenza, il Garbatella Giardinetti ha quest’anno nettamente divorato il campionato chiudendo, dopo un entusiasmante finale di stagione, prima a +5 dalla seconda. I campioni del Lazio però non si sono accontentati e pochi giorni dopo hanno conquistato la Coppa Lazio completando una doppietta che ha il sapore della storia. “Al primo anno di fusione abbiamo conquistato campionato e coppa, è un risultato storico, mancava da tanto tempo. Pensavamo a un periodo di assestamento per far amalgamare bene le due società e invece i ragazzi sono stati straordinari e abbiamo vinto tutto quello che potevamo vincere da subito”, dice Daniele Giovannoni. I grandi risultati sportivi, però, non placano l’amarezza di una squadra costretta a giocare lontano dal proprio quartiere, una zona che vive di calcio e di emozioni e che forse più di altri è riuscita a rimanere in una splendida dimensione popolare di vicinanza a tutto ciò che riguarda il quadrante stesso. “Anche quest’anno saremo costretti a giocare in altri quartieri. Ci manca Garbatella. Ci dispiace perché vorremmo tornare qui, vicino alla nostra gente che è costretta ad attraversare Roma per seguirci – ha raccontato Giovannoni – Non abbiamo campi omologati per giocare la Promozione, sono anni che speriamo in un campo di proprietà, per poter rappresentare da vicino i colori del nostro quartiere, ma anche per restituire a tutte le persone che ci seguono l’affetto che meritano. Vorremmo impegnarci per il sociale attraverso il calcio, creare una rete di supporto che parta dal campo di pallone a arrivi nelle case delle persone, ma senza stadio di proprietà, purtroppo, non possiamo dare vita ai nostri progetti”. L’attuale situazione di stallo all’interno dell’VIII Municipio ora blocca qualsiasi richiesta e ancora una volta la squadra di Garbatella sarà costretta a trovare un altro campo per giocare il campionato di promozione. “Il Municipio è commissariato fino al 10 giugno – conferma Giovannoni – ma una squadra di calcio non può aspettare così tanto per organizzare una stagione dell’importanza della nostra prossima. Anche quest’anno saremo costretti a giocare fuori, in zona Roma Tiburtino e ci dispiace tanto”.

Marco Etnasi