Home Rubriche Sport locale

La Roma affronta la Fiorentina per 3 punti decisivi in zona Champions League

SHARE

La 30ª giornata di Serie A sarà un turno infrasettimanale con gare che si svolgeranno dal 2 al 4 aprile. Mercoledì 3 alle 21:00 allo stadio Olimpico toccherà a Roma e Fiorentina affrontarsi in uno scontro che sarà importante soprattutto per le ambizioni di qualificazione alla prossima Champions League dei giallorossi.

Per quanto riguarda le previsioni dei bookmakers su Roma-Fiorentina, le quote calcio consultabili su Eurobet.it sono utili a riscontrare una maggiore fiducia nei giallorossi. La vittoria della squadra di Ranieri, infatti, viene offerta a 1,95 contro il 2 dei viola, bancato a 3,95. Il pareggio, invece, è quotato a 3,60 volte la posta iniziale. La migliore doppia chance è l’X2 (pareggio o vittoria della Fiorentina), mentre per quanto riguarda le giocate sui goal, l’over 2,5 è quotato a 1,72 (contro il 2,10 dell’under 2,5) e anche il goal-goal a 1,61 appare più probabile del no goal quotato a 2,20.

La compagine giallorossa non sta vivendo un periodo di forma particolarmente fortunato: dopo aver perso il derby con la Lazio, la Roma è stata anche eliminata agli ottavi di Champions dopo la gara di ritorno contro il Porto e il risultato è costato la panchina ad Eusebio Di Francesco. La squadra è stata affidata a un cuore giallorosso come Claudio Ranieri, il quale avrà il delicato compito di terminare la stagione con l’obiettivo di centrare almeno il quarto posto.

Dopo l’esordio vincente contro l’Empoli, la Roma è incappata in un nuovo passo falso, perdendo per la seconda volta in stagione contro la SPAL, stavolta sul campo dei ferraresi. Il k.o. del Mazza è stato un risultato pesante sia perché ha certificato che i capitolini non sono fuori dalla crisi, sia perché le concorrenti in ottica Champions hanno centrato risultati importanti.

Oltretutto c’è stato anche un episodio di tensione nello spogliatoio che ha avuto per protagonisti Edin Dzeko e Stephan El Shaarawy per un pallone non passato dall’italo-egiziano al bosniaco: i due sarebbero venuti quasi alle mani e soltanto l’intervento dei compagni di squadra avrebbe evitato il peggio.

I giallorossi rimangono a 4 punti dalla quarta piazza, momentaneamente occupata dal Milan ma devono guardarsi dalle inseguitrici, Lazio e Atalanta distanti solo 2 punti (con i biancocelesti che hanno ancora da recuperare la partita con l’Udinese, rinviata per il Sei Nazioni). Vincere è l’unico risultato a disposizione di Ranieri e dei suoi, fosse anche per lavare l’onta dell’umiliante 7-1 costato l’eliminazione contro i viola ai quarti di finale di Coppa Italia a fine gennaio.

Dal canto suo, la Fiorentina si presenterà all’Olimpico da autentica mina vagante. La squadra di Pioli, una delle realtà più giovani di questo campionato, sembra infatti essere fuori dai giochi per quanto riguarda la qualificazione all’Europa League, l’obiettivo che era stato fissato dalla dirigenza come traguardo stagionale. Decimi in classifica, con 8 punti di ritardo sul sesto posto, i viola non sono più padroni del proprio destino e anche in virtù dei risultati delle altre squadre, rischiano di staccare la spina prima del previsto. Le speranze di qualificazione all’Europa League sono affidate soprattutto alla Coppa Italia, torneo in cui i toscani sono ancora in lizza dovendo giocare la semifinale di ritorno contro l’Atalanta a Bergamo (andata 3-3). Per onorare il proprio campionato, Chiesa e compagni dovranno cercare di ripetere o quantomeno avvicinarsi alla sorprendente prestazione con cui un paio di mesi fa hanno annichilito i giallorossi a Firenze.