Home Rubriche Viaggi

Voli Vueling Cancellati: come ottenere il rimborso e il risarcimento

Cancellazione del volo Vueling a fiumicino: come fare per ottenere il rimborso

SHARE

Il 2018, in particolare nelle settimane estive e in chiusura di anno solare, è stato un periodo complesso per i passeggeri degli aeroporti romani, clienti di Vueling, compagnia spagnola parte di International Airlines Group, a causa di una serie di scioperi di assistenti di terra e di volo che hanno compromesso orari dei voli e copertura delle principali tratte dell’alta stagione.

L’anno è stato caratterizzato da scioperi del personale aereo di diverse compagnie e di Enav e l’aeroporto di Fiumicino è stato il principale aeroporto “Movimentato”. La compagnia Vueling è stata tra le Low Cost più complite dalle problematiche aeroportuali, le quali hanno comportato diversi casi si voli cancellati e voli in ritardo superiore alle tre ore.

Come non tutti i passeggeri aerei sanno e come invece spiega nel dettaglio l’azienda leader nel settore dell’assistenza ai passeggeri aerei AirHelp, i ritardi e le cancellazioni dipendenti dalla responsabilità della compagnia (tra cui rientrano gli scioperi del personale) comportano l’onere di riposizionamento su altro volo ma anche di rimborso totale del biglietto.

Come ottenere un rimborso da Vueling in caso di volo cancellato?

Come dicevamo, soprattutto su scali importanti come quello di Roma Fiumicino, l’inconveniente è sempre dietro l’angolo, per Vueling come per tutte le compagnie. È bene dunque dare al passeggero alcune informazioni per tutelarsi ed essere pronti in caso di inconvenienti come ritardi e cancellazioni delle tratte. È possibile ottenere tutte le info e verificare il rimborso per i voli Vueling cancellati su AirHelp.

Secondo la normativa europea a tutela dei viaggiatori aerei, per i voli cancellati senza preavviso di almeno 14 giorni si ha diritto, oltre all’assistenza in aeroporto, che implica la possibilità di usufruire di chiamate gratuite, pasti gratuiti e anche il transfer pagato dalla compagnia, anche al rimborso aereo.
Ciò vale anche in caso di ritardo prolungato, superiore alle tre ore.

Quando è possibile chiedere un rimborso e quando un risarcimento per i voli Vueling?

Attenzione a un dettaglio di non poco conto: in caso di ritardo superiore a 3 ore si ha diritto non solo ad un rimborso ma anche ad un risarcimento economico che va da 250 Euro a 600 Euro a seconda della tratta da percorrere.

Per la precisione, la compensazione economica minima cui si ha diritto in caso di ritardo prolungato è di 250 euro per tratte inferiori o pari a 1500 km. Poi vi è una tariffa compensativa intermedia di 400 euro per la cancellazione di tratte comprese tra 1500 km e 3500 km e arriva fino ad un massimale di 600 euro cui si ha diritto qualora fosse cancellata una tratta superiore o pari a 3500 km.

Informazioni sul diritto al rimborso da Vueling: come fare per ottenerlo.

In questo complesso universo di casistiche che possono comprendere il semplice rimborso del biglietto aereo in alcuni casi, il risarcimento e il rimborso in altri casi, una compensazione di diversi importi, se applicabili, a seconda delle tratte, è difficile per il cliente tenere tutto a mente ed essere sempre consapevole dei propri diritti nei confronti di una compagnia.

Anche in questo caso AirHelp viene incontro al consumatore. La compagnia ha creato un sofisticato sistema automatizzato che non solo rivela in pochi click e poche informazioni sul volo se si è titolari di diritti di compensazione ma può anche rivelare, tramite delle implementazioni molto complesse di intelligenza artificiale, quali sarebbero le casistiche di vittoria in termini percentuali qualora si avviasse un’azione legale nei confronti della compagnia, che sia Vueling o altre.

Infine, sempre il sistema può, se necessario e se richiesto, assumersi l’incarico di portare avanti la pratica di rimborso e l’azione legale verso la compagnia, trattenendo una percentuale a risarcimento ottenuto.

Questo servizio nasce a seguito della crescente necessità di assistenza da parte dei passeggeri aerei, soprattutto su aeroporti impegnativi e ad alto traffico come Fiumicino, in un universo legislativo garantista verso il cliente ma complesso da conoscere e soprattutto da far rispettare.