Home Senza categoria

Garbatella 2020: un tavolo tra le istituzioni per il centenario del quartiere

Dal Municipio VIII si punta ad interventi e riqualificazioni per il futuro dello storico quartiere

SHARE
garbatellalotto8

GARBATELLA 2020 – Il 2020 per la Garbatella è un anno particolarmente atteso, dato che il quartiere a febbraio compierà il suo primo centenario. In passato abbiamo più volte ricordato questa data sottolineando come, oltre ai dovuti festeggiamenti, questo splendido quartiere abbia bisogno di qualche riqualificazione sostanziale. Un’idea che in passato è stata condivisa anche dal Municipio VIII, che in più occasioni attraverso i suoi rappresentati ha parlato del centenario come di un’occasione per guardare al futuro del quartiere e per prepararlo al meglio agli anni a venire.

IL TAVOLO – Ora siamo agli sgoccioli e complice la congiuntura politica che ha fatto perdere un po’ di tempo tra giunte cadute e commissariamenti (in Municipio come in Comune), probabilmente non ci si potranno aspettare opere faraoniche. Ma nonostante questo qualcosa sembra muoversi e proprio oggi si è aperto il tavolo interistituzionale voluto dal Municipio VIII in vista del centenario.

L’INCONTRO – È stato il minisindaco Amedeo Ciaccheri a fare gli inviti: “All’incontro odierno -. spiega – hanno partecipato, il Vice Presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio, l’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale, il Rettore di Roma Tre, Pietro Marchi, Commissario Straordinario di ATER Roma, Pasquale Basilicata, Il Presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti. La cabina di regia tra Enti svilupperà un doppio programma di interventi per lo storico quartiere – aggiunge Ciaccheri – Accanto a un piano di recupero urbano si articoleranno momenti ed azioni culturali che animeranno tutto l’arco temporale che porterà al compimento dei cento anni”.

L’IDEA DEL MUNICIPIO – Si guarda la passato del quartiere per capire dove andare ad incidere nella riqualificazione in vista del centenario: “Garbatella è nata nel febbraio del 1920, mentre si sviluppava il polo industriale della via Ostiense. Era nata una nuova idea di città che si sarebbe confrontata con le sfide del futuro – commenta il Presidente Ciaccheri – Vogliamo che la ricorrenza del centenario sia nuovamente l’occasione per dimostrare che, con una stretta collaborazione tra gli attori della città, si può costruire un futuro migliore per Roma”.

TEMPI STRETTI – Presto torneremo a chiedere conto dei progetti e degli interventi che verranno proposti a questo tavolo. La speranza è che si riesca ad ottenere la chiusura di qualche intervento entro il 2020, anche se il tempo, ma soprattutto il tempo della burocrazia romana, non corre certo a favore del quartiere.

LeMa