Home Senza categoria

La Virtus Roma perde a Tel Aviv: Top16 sempre piu’ lontane

SHARE

Dopo un primo tempo giocato punto a punto, il Maccabi dilaga e vince 79 – 59.
Per la nona giornata di Regular Season di Eurolega la Lottomatica è impegnata sul campo del Maccabi Tel Aviv.
La Virtus, che dovrà ancora fare a meno di Tonolli e De La Fuente, si trova ad affrontare una partita delicata, sia per il valore degli avversari sia perché ci si gioca una buona parte di qualificazione. L’accesso alla fase successiva, infatti, è garantito solo in caso di vittoria in entrambe le ultime due giornate.
I quintetti iniziali sono: per Gershon, Wisniewski, Limonad, Eidson, Lasme e Fischer; per Boniciolli, Jaaber, Minard, Winston, Gigli e Crosariol.
Il Maccabi tenta subito l’allungo ma Roma, grazie soprattutto ai due lunghi Hutson e Crosariol, riesce a rimanere in contatto. Sulla sirena il punteggio è 22 – 20. Il secondo quarto vede a turno le due squadre tentare la fuga. Si va al riposo sul 35 – 35. La Virtus, oltre ai problemi di falli (3 per Jaaber, Gigli e Crosariol), non riesce a segnare con continuità e perde troppi palloni. Nonostante tutto, la sensazione è che con un minimo di attenzione in più, in primis da giocatori come Jaaber, la partita si potrebbe portare a casa. Al rientro dagli spogliatoi torna, però, la squadra di dicembre: senza idee in attacco e lenta in difesa. Per i padroni di casa, quindi, è facile approfittarne. Gli ultimi due quarti si chiudono con un parziale di 44 – 24. La partita finisce 79 – 59.
Anche dopo la vittoria contro Milano era abbastanza chiaro che per la Virtus non è tutto risolto. Ma la partita a Tel Aviv ha definitivamente portato alla luce un altro problema: Jaaber. Il play, che play non è, non trova più nemmeno la via del canestro. E se non crea gioco e non segna, a che serve? Considerando ciò che ha significato per Roma da quando è arrivato, la rinascita della squadra passa sicuramente dal recupero di Ibby.
Le Top16 sono, ora, più lontane. Per la qualificazione, oltre alla vittoria con Lubiana, si deve sperare nella sconfitta del Maroussi che ospiterà un Maccabi ormai tranquillo.

Dal sito ufficiale la dichiarazione di fine partita dell’allenatore. Boniciolli: “A questi livelli di competizione, non possiamo pensare di vincere giocando solo 20 minuti. Se in Italia resistiamo 30 minuti, in Europa non andiamo oltre i 20. Ma non si può vincere così, tanto più in Eurolega. Il nostro compito è resistere per 40 minuti, visto che le partite durano 40 minuti se non di più. E questo si può fare solo lavorando, e lavorando duro, a cominciare da domattina alle 10 proprio qui alla Nokia Arena, dove è prevista una seduta di allenamento prima del rientro a Roma”.
La prossima partita di Eurolega, l’ultima del girone di qualificazione, sarà giovedì 14 gennaio, al Palaeur, contro l’Union Olimpija. Sempre al Palaeur, domenica 10 gennaio, si giocherà in campionato contro la Martos Napoli.

Maccabi Electra Tel Aviv – Lottomatica Virtus Roma 79 – 59 (22 – 20; 35 – 35; 56 – 48)
Tel Aviv: Ber Aven, Limonad 8, Sharp ne, Wisniewski 3, Perkins 9, Green ne, Pnini8, Anderson 8, Lasme 5, Eidson 23, Bluthenthal 15, Fischer.
All. Gershon
Roma: Giachetti 2, Gigli 5, Jaaber, Hutson 12, Toure, Crosariol 10, Datome 2, Winston 6, Minard 14, Vitali 8.
All. Boniciolli
Arbitri: Lazaros Voreadis (Gre), Sasa Pukl (Slo), Zdravko Rutesic (Mne)

Andrea Falaschi

SHARE