Home Senza categoria

La Virtus Roma vince in trasferta: battuta Teramo 79-89

SHARE
virtus-teramo

Finalmente. Dopo una serie infinita di sconfitte in trasferta la Virtus Roma riesce a vincere sul campo della Banca Tercas Teramo 79 – 89. I ragazzi di Boniciolli conquistano, così, il settimo posto solitario in classifica e possono, ora, anche iniziare a guardare alle posizioni più alte in ottica play off.
I quintetti iniziali sono: per Capobianco, Poeta, Hoover, Diener, Amoroso, Jurak; per Boniciolli, Giachetti, Jaaber, Winston, Dragicevic, Crosariol.

Boniciolli, complice anche la precaria forma fisica di Hutson, porta Crosariol in quintetto ma dopo appena tre minuti, viste le difficoltà del centro, lo fa sedere e non lo richiamerà più. Nonostante ciò, la Virtus è una squadra reattiva ma gli sforzi di Jaaber e Winston vengono parzialmente vanificati dalle palle perse. Il primo quarto si chiude 18 – 22, Roma tira con ottime percentuali. La seconda frazione vede il risveglio dei padroni di casa che restano incollati grazie alle giocate di Diener e alla maggiore attenzione a rimbalzo (8 – 4 solo nel secondo periodo). Roma, comunque continua a tirare benissimo (8/10 da due, 2/2 da tre). Si va al riposo sul 41 – 46. Al rientro dagli spogliatoi la Lottomatica si presenta con un parziale di 9 – 0 firmato Gigli e Vitali. Pronta, però, la risposta di Teramo che riesce a spingersi fino al -2. Finisce 59 – 65. Negli ultimi dieci minuti i padroni di casa non hanno più la forza di opporsi e la Virtus, con Winston, riesce prima a scappare e poi a gestire comodamente il vantaggio. Alla sirena è 79 – 89.
Dal sito ufficiale la dichiarazione di Boniciolli. “Questa è la vittoria dei giocatori, non mia, perché io sono sempre lo stesso, sono loro che sono migliorati grazie ad un lavoro che stanno facendo in palestra e, che vi assicuro, è molto duro. Complimenti quindi ai giocatori che sono stati molto consistenti mentalmente, abili a contenere i recuperi di una eccellente Teramo, bravi a prendere il vantaggio e a leggere i loro cambi in difesa. Quindi è a loro che va il riconoscimento per questa vittoria. Vittoria che sarà ancora più importante se ad essa farà seguito quella con Varese. Significativo che sei giocatori siano andati in doppia cifra, con buone percentuali da due e da tre. In una gara che doveva essere la sfida fra i play Giachetti e Poeta, dei tre play italiani del match, alla fine, Vitali è stato il migliore e credo siano comunque buone notizie per il commissario tecnico della Nazionale. Jaaber è un giocatore sempre più maturo, Hutson ci ha dato una grande mano come sempre, così come Dragicevic e Gigli, sempre più leader silenzioso di questa squadra. E accolgo con gioia la prestazione di Winston. Mi spiace per Crosariol, forse non era la sua partita, ma come ho già detto anche a lui, non possiamo fare a meno di Crosa se vogliamo avere grandi ambizioni. Tanto più se la prossima settimana Hutson sarà costretto a fermarsi saltando probabilmente la gara con Varese”.
La prossima partita si giocherà sabato 17 aprile, al Palalottomatica, contro la Cimberio Varese.

Banca Tercas Teramo – Lottomatica Virtus Roma 79 – 89 (18 – 22; 41 – 46; 59 – 65)

Teramo: Hoover 11, Jones 14, Poeta 14, Amoroso 8, Di Giuseppe ne, Marino, Lulli, Cerella, Diener 19, Polonara ne, Stanescu, Jurak 13.
All. Capobianco
Roma: Giachetti 8, Gigli 14, Jaaber 18, Tonolli ne, Hutson 10, Toure ne, Crosariol, Dragicevic 11, Datome, De La Fuente, Winston 16, Vitali 12.
All. Boniciolli
Arbitri: Tolga Sahin, Paolo Taurino, Evangelista Caiazza

Andrea Falaschi