Home Senza categoria

VIAGGIO A BERLINO

SHARE

Berlino Est è un posto fuori dal mondo? Qui potrebbe iniziare e finire il nostro report. Sì, Berlino lascia proprio senza parole, con le sue architetture folli e la città in perenne ricostruzione, tale che se si ritorna dopo un paio d?anni possiamo trovare grattacieli o costruzioni futuristiche spuntate un po? ovunque.

Sì, Berlino lascia proprio senza parole, con le sue architetture folli e la città in perenne ricostruzione, tale che se si ritorna dopo un paio d?anni possiamo trovare grattacieli o costruzioni futuristiche spuntate un po? ovunque. Ha un fascino che rapisce letteralmente il visitatore, una città dove tutto è possibile e che non si può comprendere se non si è lì, magari nel mezzo di Alexander Platz circondati da costruzioni assurde che ti fanno sentire piccolo piccolo?

Anche per noi malati birrofili rientrare nella nostra “mission” è stato compito arduo, in questo posto andare alla ricerca di birre artigianali è l?ultima cosa che ti viene in mente di fare. Ricordandosi però che nonostante tutto (e sottolineerei nonostante tutto) siamo in Germania, zaino in spalla e taccuino alla mano andiamo anche qui a vedere cosa propone il mondo brassicolo.
Non aspettatevi dei capolavori birrari, anzi, la maggior parte dei posti che le guide specializzate segnalano hanno una qualità delle loro birre abbastanza scarsa. Qui la birra “locale” è senza dubbio la Berliner weisse, prodotta con malto d’orzo e di frumento e fermentata con colture diverse di lieviti, tra cui i famigerati brettanomiceti, e con lactobacilli. Tutto questo conferisce al prodotto finale un’acidità marcata che la rende unica nel suo genere, nei bar della città viene servita con sciroppi di asperula o lampone per smorzarne l’astringenza e il tipico colore verde e rosso di questi due ultimi ingredienti ha fatto in modo di creare il servizio del “semaforo”, con al tavolo due weisse sciroppate e una al naturale. Ovviamente noi ne abbiamo tracannate di diverse e senza l’aggiunta di nulla, davanti a barman un po’ incuriositi che ci spiegavano poi che è veramente una rarità trovare qualcuno che beve una Berliner weisse “assoluta”. E’ bene aggiungere poi che la gradazione alcolica di queste specialità è bassissima e si aggira intorno ai tre gradi.
In città pullulano comunque i birrifici artigianali, per quanto riguarda la zona di Mitte, abbiamo trovato molto interessante il birrificio Lemke a Dirckenstrasse, dagli interni di gran gusto e dai prodotti birrai sicuramente più che accettabili. Scelta di birre non vastissima, ma variabile anche durante la stessa serata, con presentazione di stili anche non consoni alla Germania.
Altro locale degno di nota è il Mitte a Karl-Liebknecht Strasse, proprio di fronte alla torre delle telecomunicazioni di Alexander Platz. Posto dagli interni modernoi al secondo piano di un centro commerciale. Birre anche qui pulite ma più tradizionali, come una pils non filtrata, una dunkel e una weizenbier?Decorose, come direbbe un mio caro amico.
Terrificante l’esperienza invece da Marcus Brau, non molto distante dalla birreria Mitte, precisamente a Munzstrasse. Magari siamo capitati in un giorno poco fortunato, ma le birre avevano gravissimi sentori di acido lattico, fortunatamente il cibo non era male e almeno in quello siamo stati accontentati.
Altra segnalazione negativa per il Georgbraeu in Spreeufer 14, sulla riva del fiume Spree. Un peccato perché il posto si presentava bene nei suoi interni, ma le birre si sono rivelate in pesante difetto di bontà: delle vere schifezze, con una dunkel soprattutto che sprigionava sentori di lattico a distanza di due metri. Ovviamente il proprietario non l’ha presa molto bene quando gli abbiamo fatto notare che le birre non erano proprio a posto?
 Da segnalare invece positivamente nella zona di Spandau il birrificio Brauhaus in Spandau, ottimo per dissetarsi dopo una visita alla magnifica Zitadelle con il famoso carcere e al centro storico di questa importante zona di Berlino ovest. Dotato di un gradevole biergarten, la birreria presenta un paio di prodotti (helles e dunkel) di facile bevibilità e abbastanza “puliti”, privi quindi di particolari difetti. Buono anche lo Schlossplatzbrauerei nella zona di Kopenick , un po’ industrialotto forse ma con birre decisamente ottime e dalla vasta scelta, da segnalare la loro Schwarzbier.

Fra i pub ho trovato geniale il Berliner Republik a Schiffbauerdamm 8, con un sistema di prezzario delle birre a dir poco originale: quasi 20 spine a disposizione e il prezzo di ogni singola birra viene segnalato da due tabelloni elettronici “fluttuando” di vari centesimi come nella Borsa, a seconda del consumo che ne viene fatto in quell’istante. Un locale sicuramente da provare.
A Berlino sono presenti 17 birrifici, comprese le grosse fabbriche come la Burgerbraeu e la Schulteiss, dove però la qualità media non è eccelsa, vale la pena comunque dissetarsi con una birretta durante la visita impedibile di questa meravigliosa città. Solo qui si può degustare una weisse artigianale (birrificio Lindenbraeu) con davanti lo spettacolo maestoso del Sony Center, provare per credere!

Manuele Colonna