Home Senza categoria

Virtus Roma: trasferta ancora indigesta, Biella vince 85-80

SHARE
roma - biella

Nella quinta giornata di ritorno la Lottomatica Roma viene nuovamente battuta in trasferta dall’Angelico Biella, vera bestia nera per la squadra di Boniciolli. Partita difficile e intensa che si è decisa solo negli ultimi secondi e che ha visto le due squadre cercare, ripetutamente, la fuga per poi essere inesorabilmente riprese.

I padroni di casa, che si presentano alla partita privi di Diaz infortunato, sono decisi ad interrompere la striscia negativa che li vede protagonisti; la Lottomatica, invece, che può portare a referto tutti i suoi giocatori (quindi fuori Toure per scelta), vede nella partita l’occasione di imparare ad imporre il proprio gioco anche fuori le mura amiche e continuare nella corsa ai play off.
I quintetti iniziali sono: per Bechi, Chessa, Smith, Aradori, Garri e Pasco; per Boniciolli, Giachetti, Jaaber, Datome, Gigli e Hutson.

Neanche il tempo per la palla a due che con Giachetti e Gigli è subito 7 – 0 per gli ospiti. I ragazzi di Bechi, però, non restano a guadare e, sbloccati da una tripla di Chessa, impongono un controparziale di 22 – 2. Prima del mini riposo c’è comunque il tempo per la reazione romana: 10 – 0 che porta a chiudere sul 22 – 19. Il secondo quarto non vede grandi novità, Biella scappa ma poi viene raggiunta. Si va al riposo con il punteggio di 46 – 38. Roma è ancora preda dei soliti problemi, è disattenta, perde molti palloni e non ha ciò che ci si aspetta dai giocatori più importanti (su tutti Jaaber e Hutson). Al rientro dagli spogliatoi la Virtus sembra potersi riprendere ma, complice un antisportivo fischiato a Vitali, l’Angelico arriva fino al +13. Dopo più di venti minuti da spettatore Hutson decide di iniziare a giocare e con 6 punti consecutivi permette ai suoi di ricucire lo strappo, 64 – 61. Ad inizio ultimo quarto Dragicevic impatta, 64 – 64. Nonostante gli sforzi, dell’una e dell’altra, nessuna delle due squadre riesce ad imporsi. A 30 secondi dal termine il punteggio è 80 – 80. Ci sarebbe il tempo per un’azione a testa ma mentre Chessa segna una tripla Roma non riesce ad organizzare un attacco degno. Finisce 85 – 80.
Dal sito ufficiale la dichiarazione di Boniciolli: “Sinceri complimenti a Biella, al mio amico Bechi e a Chessa che è stato fantastico e che si sapeva sente molto le partite importanti; hanno meritato di vincere, su un campo fra i più caldi ma anche fra i più corretti di serie A. Sono dispiaciuto soprattutto per i miei giocatori e per la società. Anche perché una vittoria avrebbe potuto cambiarci non solo la classifica ma aumentare la nostra fiducia, che comunque non deve essere intaccata, perché stiamo lavorando bene e non posso recriminare nulla ai miei giocatori. Hanno combattuto fino alla fine nonostante i limiti strutturali. Come ho già detto, rispetto alle altre squadre, noi siamo indietro di quattro mesi perché a dicembre abbiamo cambiato completamente sistema di gioco, e mentre le altre squadre hanno acquisito una loro identità ad agosto, noi ora dobbiamo recuperare tempo e il tempo purtroppo non si compra. Ma sono fiducioso per il prossimo futuro, perché stiamo facendo un buon lavoro, i ragazzi si impegnano e lavorano bene. Quella di questa sera è comunque una squadra migliore rispetto a quella vista ad Avellino o a Bologna. Domenica prossima in casa con Pesaro, ci aspetta una gara difficile e importante per noi, una gara che dobbiamo assolutamente vincere per restare fra le prime otto. Ma come detto sono fiducioso, il futuro ci sorride, dobbiamo continuare questo cammino di progresso e avere pazienza”.
La prossima partita si giocherà domenica 14 marzo, al PalaLottomatica, contro la Scavolini Spar Pesaro.

Angelico Biella – Lottomatica Virtus Roma 85 – 80 (22 – 19; 46 – 38; 64 – 61)
Biella: Soragna 9, Ceccarelli ne, Maggiotto ne, Ona Embo 4, Garri 15, Plisnic, Chessa 19, Smith 17, Aradori 12, Achara 4, Pasco 5.
All. Bechi
Roma: Giachetti 12, Gigli 5, Jaaber 6, Tonolli ne, Hutson 8, Crosariol 1, Dragicevic 16, Datome 5, De La Fuente ne, Winston 10, Minard 12, Vitali 5.
All. Boniciolli
Arbitri: Fabio Facchini, Roberto Chiari, Pietro Crescenti

Andrea Falaschi