Home Cultura

“ALZATI E CAMMINA” la mostra a Palazzo Valdina

ROMA – Promossa dall’Onorevole Maria Teresa Baldini, dal 28 settembre 2021, è allestita nella splendida cornice della sala del Cenacolo di Roma, la mostra “Alzati e Cammina”, una collezione monotematica dove si racconta il tema della resurrezione di San Lazzaro. Le opere, normalmente conservate nella chiesa dei Santi Filippo e Giacomo a Pino, nel comune di San Miniato (Pisa), offrono molteplici letture del medesimo tema, estremamente attuale, essendo la parola d’ordine di oggi: “Rinascita”.

Autori importanti, alcuni dei quali hanno insegnato nella prestigiosa Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, hanno, negli anni, rappresentato il miracolo raccontato dall’evangelista Giovanni, inviando la loro opera alla Chiesa di Pino, dando vita ad una collezione che, citando le parole di S.E. Mons. Andrea Migliavacca, permette di cogliere lo sguardo dell’amico Lazzaro ed il suo affidamento in Gesù, pensiero condiviso dai molti Onorevoli presenti all’inaugurazione della mostra. Rappresentazioni che spaziano dalla visione più classica a quella più astratta, riuscendo a stupire l’occhio dell’osservatore ed a sollecitarne una profonda riflessione.

Ads

Tradizione, fede, arte e sociale in perfetta armonia per trasmettere un messaggio di speranza concreta di quella che vorremmo definire, con una buona dose di sano ottimismo, “la corretta gestione della Pandemia”. Evidente è l’intento dell’Onorevole Maria Teresa Baldini, alla quale va riconosciuto il merito di diffondere la tradizione di San Miniato, di proseguire ciò che avevamo interrotto nel febbraio 2020, ossia il riprendere la nostra quotidianità con coraggio, seppur consapevoli della delicata situazione che ancora oggi dobbiamo affrontare, valorizzando, in questo caso, la creatività e la maestria degli artisti contemporanei autori delle opere esposte, ma, più in generale, l’artigianalità italiana. Mentre si corre verso la globalizzazione del tutto non si debbono perdere le proprie radici; il concetto di tradizione non implica chiusura ma anzi apertura e confronto poiché ciò che non viene condiviso perde di valore.

Emanuela Fancelli

Previous articlePonte di Ferro: mentre sono in corso le indagini arrivano i primi commenti sull’accaduto
Next articleRoma: domenica 10 ottobre torna #ViaLibera