Home Cultura Cinema

Come un gatto in tangenziale. Ritorno a coccia di morto

È stato uno dei film italiani più apprezzati degli ultimi anni, una commedia divertente, profonda e splendidamente recitata, una similitudine ben riuscita dell’enorme vuoto esistenziale che si è creato tra il popolo e la classe dirigente: ora Come un gatto in tangenziale torna per il suo secondo capitolo. Con Antonio Albanese, intellettuale sinistroide che porta con sé tutti i limiti del suo integralismo politico intriso d’immobilismo militante, voyeristico, radical chic, e Paola Cortellesi, “coatta” della periferia romana col cervello fino, dinamico, fattuale, empatica e impegnata. In questo secondo capitolo Monika, Cortellesi, viene arrestata e l’unico che può aiutarla è Giovanni, Albanese. Una sceneggiatura, ancora una volta solida, regge un film che, come il primo, diverte e fa riflettere.

Regia: Riccardo Milani

Ads

Sceneggiatura: Riccardo Milani

Interpreti: Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco, Claudio Amendola, Luca Argentero

(ITA 2021)

Marco Etnasi

Previous articleRoma-Lido: soppresse tre fermate fino alla primavera 2022
Next articleScuola Girolami: riapertura parziale a settembre