Home Cultura Cinema

Il giorno in piu’

Prendi ad esempio Mario Monti: vara il decreto salva-Italia, aumenta le imposte, chiede dolorosi sacrifici al Paese e bagna, con le strazianti lacrime del ministro Fornero, il futuro di una generazione di venticinque-trentenni dalle tinte sempre più fosche.


Prendi invece Giacomo Bonetti (Fabio Volo): è un manager affermato all’interno della sua azienda, non sbaglia un colpo, tanto in carriera quanto in amore. Conquista clienti e donne, si arrampica sui balconi, trova l’amore su un tram e lo segue fino a New York. Perde un ricco affare a Buenos Aires pur di stare con lei, ma riesce, nonostante tutto, a mantenere il proprio posto di lavoro.
Mario Monti e Giacomo Bonetti si rivolgono allo stesso Paese, sembra assurdo ma è così. Ed allora diventa giusto chiedersi perché “Il giorno in più” si ovatta dalla realtà esterna? Perché il contratto a tempo indeterminato diventa soltanto un termine di paragone per definire il vero amore? Perché la crisi economica è così poco cinematografica?
Fabio Volo interpreta una commedia leggera e pre-natalizia, in cui alla fine emergono buoni sentimenti low-cost. L’ex panettiere più multitasking del Belpaese prende lo spettatore per mano e cerca di trascinarlo nella sua favola fatta d’amore e voli intercontinentali. Nessuno pretende rigoroso realismo, ma la realtà rappresentata appare degna del miglior fantarealismo.
Forse, invece di un giorno in più, avremmo bisogno di un euro in più.

Ads

 

Regia: Massimo Venier (ITA)
Sceneggiatura: Michele Pellegrini, Federica Pontremoli, Massimo Venier, Fabio Volo
Interpreti: Fabio Volo, Isabella Ragonese, Pietro Ragusa, Stefania Sandrelli, Roberto Citran

Simone Dell’Unto 

Previous articleMariti
Next articleMidnight in Paris