Home Cultura Cinema

San Paolo: silenzio in sala, si riparte dal Cinema Madison

Il multisale torna ad aprire i battenti dopo mesi di stop a causa dell’emergenza sanitaria

SHARE

SAN PAOLO – Finalmente si torna in sala per lasciarsi affascinare dalla magia del cinema. Tra le sale che nella Capitale hanno riaperto i battenti dopo questi mesi di chiusura a causa dall’emergenza sanitaria, c’è anche il Cinema Madison in via Chiabrera nel quartiere San Paolo. Il multisala, molto amato nel quadrante, è tornato ad ospitare i suoi fedeli spettatori il 18 giugno scorso, proponendo una programmazione pronta a soddisfare proprio tutti i gusti.

Nella serata di riapertura non sono mancate le dimostrazioni di affetto nei confronti dei gestori del Cinema, partendo proprio dai tanti cittadini del quartiere che si sono affrettati per accaparrarsi un biglietto. Tra distanziamento, mascherine e sanificazioni sono quindi ripartite le proiezioni, sancite anche dalla visita della politica locale, presente alla riapertura di una delle poche attività culturali del quadrante tornate finalmente in funzione. “Sono stati mesi duri per tutti quanti, era importante ripartire per dare un segnale importante – ha commentato il gestore del Cinema Madison, Manuele Ilari – Bisogna essere ottimisti il peggio è passato e iniziamo a vedere una luce in fondo al tunnel. Ci aspetta una stagione piena di grandi film”.

La programmazione è varia e nelle prossime settimane non mancherà di riservare qualche gradita sorpresa. Si parte dall’offerta indirizzata ai più piccoli, con ‘Me contro te’ e ‘Trolls World Tour’, per poi crescere rapidamente di età e livello con pellicole come ‘Emma’ o ‘I Miserabili’. Non manca nemmeno un film per gli appassionati delle commedie romantiche, con ‘7 ore per farti innamorare’; mentre sarà facile far salire la tensione con ‘Doppio Sospetto’, con ‘L’uomo Invisibile’ o con ‘Buio’ di Emanuela Rossi.

La riapertura del multisala Madison potrebbe anche essere l’occasione. Per chi se lo fosse perso, per guardare ‘Parasite’, il film del regista coreano Bong Joon-ho, che nella scorsa edizione degli Oscar ha avuto 6 nomination e vinto in tre categorie.

Red