Home Cultura Cinema

Scrivimi per sbaglio di Giuseppe De Candia

Giuseppe de Candia torna in scena con Scrivimi per sbaglio, lungometraggio di successo, presentato al Politeama di Bisceglie dove la sala è stata presa d’assalto con ben due sold out consecutivi. Il giovane autore è stato di parola e l’esordio al cinema con il suo primo film ha il valore di una promessa mantenuta verso sé stesso e verso tutti i suoi fan. Infatti soltanto lo scorso ottobre lanciava la hit musicale Scrivimi per Sbaglio, brano che preannunciava l’inizio delle lavorazioni del film. Una sorta di teaser, intro musicale che è servita a Giuseppe per calibrare il tiro, radunare le maestranze giuste, ma soprattutto trovare gli stimoli necessari, in tempo non sospetti, per ultimare la sua opera prima.

Scrivimi per sbaglio è disponibile gratuitamente su YouTube, stregando pubblico e critica riuscendo a mettere d’accordo tutti sulla bravura del giovane autore. Tant’è che il film è stato selezionato da oltre 20 festival internazionali di cinema, tra cui Miglior Corto LGBTQ+ e quello di Miglior Regista Esordiente. Scrivimi per sbaglio è una storia d’amore che comincia nella maniera più classica di tutte: il nostro protagonista si decide a scrivere, dopo lunghe esitazioni, a scrivere una lettera alla ragazza di cui è innamorato. Da qui però una serie di sliding doors faranno in modo che tutta la vicenda non risulti scontata, regalandoci una storia piena di sorprese che ci ha lasciati con il fiato sospeso fino ai titoli di coda

Ads

Rispetto ai primi show, Giuseppe De Candia, sembra essere cresciuto parecchio, abbandonando quell’aria macchiettistica e caricaturale da youtuber a favore di in un’interpretazione più matura. La regia è sembrata sopra il livello sperato ed infatti in molti se no sono accorti ed il film ha già vinto 8 premi.

Un debutto col botto, si dice in questi casi! Scrivimi per sbaglio, vi lascerà col fiato sospeso, facendovi ripercorrere la tenerezza del primo amore e lo stupore davanti al gioco del destino. Un film che si snoda tra sogno, realtà e romanzo di formazione.

Riccardo Davoli

Previous articleRifiuti, Gualtieri: incendio Malagrotta duro colpo per la Capitale
Next articleTiberis: la spiaggia sul Tevere apre i battenti il 7 luglio