Home Cultura Cinema

Smetto quando voglio – Masterclass

Nonostante sia un sequel fa ridere

La precisazione si rende necessaria per gli strenui sostenitori della teoria in base alla quale il sequel non potrà mai essere come l’originale e siano quindi tentati dall’idea di screditare a priori il nuovo lavoro di Sydney Sibilia. Più che un seguito è un continuo: definire “Smetto quando voglio – Masterclass” un semplice sequel è infatti assai ingeneroso nei confronti di un film che riesce a mantenere lo stesso spirito, la stessa originalità e la stessa vitalità del predecessore. Nella sceneggiatura, nella vis comica dei protagonisti e nel ritmo della trama pulsa quella stessa linfa vitale che rende “Smetto quando voglio” un vero e proprio marchio che riunisce tutta la “nouvelle gag” della commedia italiana. Una nuova generazione di artisti che manda definitivamente in pensione gli strenui vacanzieri di Natale per aprirsi a una comicità intelligente, mai volgare, spontanea, contagiosamente allegra e, soprattutto, talentuosa.

Regia: Sydney Sibilia
Sceneggiatura: Sydney Sibilia, Francesca Manieri, Luigi Di Capua
Interpreti: Edoardo Leo, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Giampaolo Morelli, Libero De Rienzo, Pietro Sermonti, Stefano Fresi, Lorenzo Lavia, Valeria Solarino, Marco Bonini, Rosario Lisma, Luigi Lo Cascio

Ads

(ITA 2017)

Simone Dell’Unto

Previous articleRoma 70: il Municipio VIII torna ad occuparsi del ‘Campetto di Piero’
Next articleCecchignola: i campetti di via Vassalle tornano a vivere grazie all’attivismo dei giovani del quartiere