Home Cultura Cinema

The Post

Steven Spielberg porta sul grande schermo una storia di democrazia, coraggio e libertà. Siamo negli USA, è il 1971 e il “New York Times” apre un vaso di Pandora chiamato “Pentagon Papers”, uno studio di 7.000 pagine sulle strategie politico-militari elaborate dal Governo statunitense in preparazione dell’intervento in Vietnam e in tutto il successivo sviluppo. Nixon blocca immediatamente la pubblicazione del dossier che viene subito ripreso dal “Washington Post” alla cui editrice spetterà l’annosa decisione: non pubblicare e rispettare il diktat presidenziale o pubblicare in nome della libertà di stampa. “The Post” è un film dalle tinte forti: parla di politica, di donne, di uomini, di passione, di avidità, di coraggio, di paura e di libertà. Meryl Streep e Tom Hanks, per la prima volta insieme sul grande schermo, conquistano il pubblico perché credono nel ruolo affidato: non sono solo attori ma orgogliosi interpreti di un sentimento di opposizione a un sistema maschilista e asservito al potere.

Regia: Steven Spielberg

Ads

Sceneggiatura: Liz Hannah, Josh Singer

Interpreti: Meryl Streep, Tom Hanks, Sarah Paulson, Bob Odenkirk, Tracy Letts, Bradley Whitford, Bruce Greenwood, Matthew Rhys, Alison Brie, Carrie Coon, Jesse Plemons, David Cross

(USA 2017)

Simone Dell’Unto

Previous articleChiusura Ardeatina: partono i cantieri per il ponte di Falcognana
Next articleRoma: il 25 febbraio la quarta Domenica Ecologica