Home Cultura Libri

Francis Bacon. Logica della sensazione

40 riproduzioni a colori e 92 in bianco e nero, raccolte in un solo volume, per raccontare la storia di una delle figure più importanti e sanguinose, crude e inquietanti della storia dell’arte: il pittore inglese Francis Bacon, nelle parole di un pensatore, il filosofo francese Gilles Deleuze. L’espressione artistica, di qualunque epoca, porta sempre con sé un inizio e il senso della sua fine. Così abbiamo opere che sono segni di uno stile nuovo, autentico, talvolta esaltante, senz’altro eccitante: quella visione individuale, unica, solitaria, ribelle, riconoscibile tra mille, qualcosa che doveva arrivare, ma che nessuno immaginava ancora. Non è semplice riuscire, per chi non ha mai amato le scorciatoie. Ma questo libro è un’importante geografia che mostra l’eccezione, quanto talune anime hanno saputo affermarsi e diventare misura di tutto il resto. Un racconto completo per non restare indietro, raccogliere ogni singolo pezzo e osservarlo con occhi nuovi, superando gli schemi della storia e le interpretazioni consuete. Proprio a partire dalla pittura di Bacon, ricostruendo alfine una logica della sensazione che sappia guidarci indietro nel tempo fino alle immagini dell’antico Egitto e alla cultura bizantina, da Michelangelo a Velasquez, da Van Gogh a Cézanne, Klee, Kandinskij, Pollock, Michaux.

Francis Bacon. Logica della sensazione

Ads

Gilles Deleuze

Quodlibet 2008

Pagine 248

Euro 25

Ilaria Campodonico

Previous articleBelfast
Next articleCOEZ – VOLARE