Home Cultura Libri

Red Mirror

Intelligenza artificiale, veicoli a guida autonoma, tecnologie green, smart city, riconoscimento facciale, Simone Pieranni sembra raccontare universi ulteriori, immaginati con curiosità da lontano o forse sognati nei peggiori incubi: simili a mondi di fantascienza, dove è possibile contare e misurare, prevedere e controllare ogni cosa. Questo libro è una vertigine, dall’inizio. Le figure che la abitano gestiscono tempi e spazi come creature marziane, difformi dalle nostre abitudini e dunque a tratti poco rassicuranti, non sappiamo dove mettere le mani. Qui, dove l’Occidente finisce, il futuro si è impiantato nel presente, annunciando un possibile, imminente e irresistibile mutamento per tutti. Saremo pronti? Il nostro cielo è davvero così vecchio? Questo saggio – direi necessario, soprattutto per orientarsi in un così confuso presente, con gli occhi spalancati e senza timore – nasce dalla lunga frequentazione dell’autore con la Cina. Non vuole dare gloria alla gloria, esaltare il progresso tecnologico, le avventure rischiose e imprevedibili. Pieranni intende approfondire la conoscenza e trasmettere alcuni elementi fondamentali al lettore. Dove si tace non vi è confronto, né contrasto di idee, non sopravvive a lungo alcuna forma di consapevolezza e si torna indietro. Ecco un valido motivo per leggere Red Mirror.

Red Mirror, Il nostro futuro si scrive in Cina

Ads

Simone Pieranni

Editori Laterza 2020

Pagine 224

Euro 14

Ilaria Campodonico

Previous articleFa’ la cosa giusta
Next articleIRuna