Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Amalfitano: il suono dal centro di Roma si fa un giro fuori porta

Ballad ironica e sguaiata che nasce in un bar di Roma in una notte con qualche bicchiere di troppo, per rimandare a domani tutto il resto”.

Da mercoledì 28 aprile è online il videoclip di “Maddalena” per Sugar Music, in cui Gabriele Mencacci Amalfitano taglia il nastro per il suo primo progetto da solista. Ho conosciuto Amalfitano in enoteca, dove suonava con i Joe Victor, band con cui ha inciso due ep e raccolto a Roma parecchio successo. Al momento le loro strade si sono divise ed ogni membro del gruppo si è ritrovato in altri progetti per conto proprio. La notizia fresca di giornata è del festival dei Due Mondi a Spoleto il 9 luglio, in cui Amalfitano aprirà il concerto di Colapesce e Dimartino. Il video, anticipato da Billboard Italia, narra le ossessioni d’amore vissute in una stanza, ossessioni lucide che parlano della lontananza della vita privata e della solitudine di un piccolo appartamento. Una gigantografia di una ragazza in un piccolo salotto diventa la metafora di quest’ossessione materializzata, con cui parlare e cantare una canzone al karaoke. “Mostrare le ossessioni può essere straniante perché si scopre l’imbarazzo, ma racconta la vita normale di tutti  racconta Gabriele – L’amore, la lontananza, l’ossessione sincera e i demoni che aleggiano sullo sfondo”. Quello che sembra è proprio un’istantanea presa da un film di Godard. L’universo di Gabriele Mencacci Amalfitano è Roma centrico. Il rione scelto per le serate è quello del Parione o di Trastevere. I locali, le enoteche, i bar sono il teatro quotidiano in cui Amalfitano ama confondersi e dove è nato questo singolo. Maddalena è l’amica del cuore. Quel tipo di amicizia a cui confesseresti ogni cosa davanti ad un vino qualsiasi e su di un tavolino di un bar qualunque. Con lei passeresti tutto il tempo necessario fino a vedere il fondo di un bicchiere vuoto, guardare l’oste e riordinare subito un altro giro. Con “Maddalena” si apre un nuovo ciclo per Amalfitano e siamo certi che sarà il primo di tanti brindisi!

Riccardo Davoli