Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

FELA KUTI – ZOMBIE

Dopo gli studi conseguiti a Londra, Fela Kuti viaggia per il mondo sempre accompagnato dalla musica e dall’attivismo politico. Grazie all’inglese, Fela riesce a diffondere il suo verbo traducendo i suoi ideali in groove e rendendo il suo sound un’esperienza carnale omnicomprensiva. In pochi anni, fiero del suo spirito rivoluzionario, Fela Kuti viene consacrato da tutte le piazze del mondo star mondiale e simbolo di resistenza. Tornato in Nigeria sul finire degli anni Settanta, Fela organizza la repubblica di Kalakuta, autoproclamatasi autonoma rispetto alle leggi del governo golpista nigeriano. “Zombie” esce nel 1977. Secondo molti è stato l’anno in cui il climax della ribellione musicale è esplosa a livello globale. Fela, con il disco, attacca frontalmente l’esercito locale paragonandolo a non-morti addestrati per sparare a comando e scatenando così la reazione del regime. Ma non solo. Durante le esibizioni Fela imita spesso il passo dell’oca delle SS a dimostrazione dello sdegno per il regime usurpatore. Da qui l’esercito, non potendo più restare a guardare, reagisce e la repressione che ne consegue è violentissima. La comune viene spazzata via, gli occupanti arrestati e torturati. Durante la purga Fela perde una delle persone a lui più care: Funmilayo Ransome-Kuti, la mamma, nota attivista e prima donna della storia ad aver conseguito la patente di guida nigeriana, viene brutalmente uccisa. “Zombie” ancora oggi è un disco monumento dentro e fuori il dance floor, che auguro a tutti di ascoltare almeno una volta nella vita.

Riccardo Davoli

Ads
Previous articleLa cocciniglia colpisce anche i pini di Villa Flora
Next articleRifiuti: per il Sindaco Gualtieri la proroga della discarica di Roncigliano era inevitabile