Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Flim: l’arte della sperimentazione musicale

Una giovane band romana con all’attivo un Ep uscito il 4 novembre scorso

Nel recentissimo panorama musicale romano si sta affermando una giovane band che ha all’attivo un Ep, “Decelerate”, uscito il 4 novembre 2016.

Ads

La band in questione si chiama Flim, che si forma nel 2014 a Roma e il cui nome deriva da un brano di Aphex Twin. I tre musicisti che la compongono sono: Giovanni Pallotti, bassista che ha collaborato con artisti del calibro di Steve Reich e Marco Mengoni; Davide Sollazzi, batterista di Marco Mengoni; Massimo Colagiovanni, chitarrista, compositore e produttore, nonché membro di un’altra band romana, i Bamboo. Sono piaciuti talmente tanto a Jeff Beck, che questo gli ha affidato la sezione ritmica del suo ultimo album “Loud Hailer”. Accantonando quindi un po’ di emozione, i tre musicisti romani hanno registrato bassi e batteria del disco e hanno partecipato alla sua presentazione ufficiale insieme allo stesso Jeff Beck. Per non farsi mancare niente, sono anche coproduttori di artisti quali Francesca Michielin e lo stesso Marco Mengoni. E quindi, dopo queste importanti collaborazioni, hanno deciso di entrare in studio: il 14 ottobre 2016 è uscito il singolo “Mewl”, che ha anticipato il loro primo Ep “Decelerate”. Questo si compone di cinque tracce: “Mewl”, “Idle Clock”, “I Swear”, “Mirza”, “Opening”. L’Ep è un lavoro strumentale, un post-rock elettronico a cavallo tra tradizione e sperimentazione (potrebbe divenire la colonna sonora di film anni ’70 stile Dario Argento). Le sonorità, molto accattivanti, ti trasportano in un’atmosfera caratterizzata da suoni compulsivi e incalzanti, intervallati da melodie lente e rilassanti. Il loro sound deriva dall’amore per la ricerca strumentale. Non si sono ispirati ad un artista in particolare, ma certamente hanno preso spunto da band quali Moderat e Tame Impala, e questo Ep è la conferma della loro bravura e mette in risalto la loro virtuosità come musicisti. Essi affermano che “Decelerate” è nato semplicemente dalla voglia di condividere un’esperienza musicale, stessa motivazione che ha fatto nascere i Flim come gruppo. Anche per questo il filo conduttore che lega le loro canzoni, dicono, deve sceglierlo l’ascoltatore, chiudendo gli occhi e lasciandosi trasportare dalle sensazioni che la musica offre. Hanno deciso di creare un lavoro strumentale perché, per loro stessa ammissione, nessuno dei tre canta. I brani sono comunque di ottima fattura ed ora non ci rimane che sentirli dal vivo; l’occasione sarà a gennaio, quando “Decelerate” verrà presentato live, sperando che, in un futuro prossimo, esca anche il loro primo album.

Guido Carnevale

Previous articleLa chiesa di San Silvestro al Quirinale
Next articleUltimi due giorni di pulizie su via Ostiense