Home Cultura Teatro

COSÌ È (O MI PARE), uno spettacolo in Realtà Virtuale

Lo spettacolo adattato e diretto da Elio Germano, andrà in scena dal 16 al 18 dicembre presso il Teatro Argot Studio di Roma

In esclusiva a Roma, dal 16 al 18 dicembre ad Argot Studio, sarà possibile vivere un’esperienza unica che fonde tecnologia, spettacolo dal vivo e letteratura con il progetto speciale Così è (o mi pare): una riscrittura per realtà virtuale di Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello, adattato e diretto da Elio Germano e con la partecipazione di Isabella Ragonese e di Pippo Di Marca.

La pièce in VR proietta il pubblico, attraverso visore e cuffie, proprio dentro allo spettacolo: nei panni (in soggettiva) del Commendator Laudisi – personaggio appositamente inventato e non presente nel copione originale pirandelliano – un anziano in sedia a rotelle, padre di Lamberto, ruolo che Germano ha riservato per sé. Così è (o mi pare) cala il testo pirandelliano nella società moderna, dove “spiare” l’altro risulta ancora più semplice grazie all’uso dei nuovi media. Lo spettacolo è stato infatti pensato per essere realizzato in realtà virtuale, un nuovo strumento tecnologico, tra cinema e teatro, in grado di porre lo spettatore al centro della scena.

Ads

Si apre così la possibilità di un’esperienza unica nel suo genere, utile alla finalità del racconto e alla riflessione sul tema pirandelliano di cosa sia reale e cosa sia vero. La storia della signora Frola, del signor Ponza e della sua giovane moglie, e di un paese che si interroga su di loro, viene piegata alle nuove ragioni di quel buco della serratura che sono i social media e alla ricostruzione tridimensionale dell’ambientazione dove tutto questo accade.

Con un cast d’eccezione in cui figurano, oltre ai già citati Elio Germano, Isabella Ragonese e Pippo Di Marca, Gaetano Bruno, Serena Barone, Michele Sinisi, Natalia Magni, Caterina Biasiol, Daniele Parisi, Maria Sole Mansutti, Gioia Salvatori, Marco Ripoldi, Fabrizio Careddu, Davide Grillo, Bruno Valente, Lisio Castiglia, Luisa Bosi, Ivo Romagnoli, il progetto in realtà virtuale è stato presentato da Fondazione Teatro della Toscana, Infinito Produzioni Teatrali, Gold Productions presso diversi teatri, tra cui il Teatro della Pergola di Firenze e il Teatro Franco Parenti di Milano.

Redazione

Previous articleAncora degrado nei sottopassi di via Cristoforo Colombo
Next articleMunicipio VIII: gite, corsi, spettacoli e proiezioni per il progetto “Educare in VIII”