Home Cultura Teatro

La Scena Corsara mette in scena Bagliori di guerra nei teatri di Testaccio e Portuense

Nel corso di questo mese andrà in scena il lavoro teatrale Bagliori di guerra, dal 10 al 13 marzo presso la Sala Lysistrata (teatro Antigone) nel rione Testaccio e la settimana successiva, dal 18 al 20 marzo, al Centro Culturale Artemia, in zone portuense, all’interno della Rassegna “Il Sipario delle Donne”.

UN REPORTAGE AL FEMMINILE PER NARRARE LA REALTÀ DOLCE AMARA DELLA GUERRA

Lo spettacolo, presentato dalla compagnia La Scena Corsara, è interpretato da Bianca Maria Castelli (anche regista e autrice del testo) e Paola Scotto di Tella, con la partecipazione di Claudio Bevilacqua, Roberto Capacci ed Enrico Mossena e quadri di scena di Paola Alviano Glaviano. La pièce alterna situazioni estremamente drammatiche e dolorose alla leggerezza della rivista anni ’40, nata probabilmente anche per sollevare gli animi negli anni più duri del secondo conflitto mondiale. Bagliori di guerra è un viaggio dolceamaro tra le pagine della Storia raccontato dalle voci e dalle testimonianze di Geppina e Mimì. Le due esuberanti artiste di varietà, accompagnano infatti il pubblico attraverso un reportage bellico al femminile: la pulizia etnica, la veglia dei morti, lo stupro e altre pagine dolorose della nostra storia umana, che purtroppo stiamo rivedendo e rivivendo proprio in questi giorni con le terribili immagini che arrivano dall’Ucraina, invasa militarmente da Putin. Grazie alle due protagoniste, abbiamo la possibilità di conoscere i vari aspetti della sofferenza, tra cui l’istinto di sopravvivenza e soprattutto la capacità di trasformare il dolore in un profondo amore per la vita. Questa trasformazione è vitale per l’animo umano perché può generare solidarietà, condivisione e soprattutto un barlume di speranza. Quando la nostra mente è al buio siamo costretti ad attraversare il dolore, il sangue, le lacrime, la perdita, la disperazione: è guerra su tutti i fronti. Proprio in quel momento, però, possiamo capire, imparare, cambiare e sta a noi decidere se schierarci con la morte o con la vita.

Ads

L’IMPEGNO SOCIALE E CULTURALE DELLA COMPAGNIA TEATRALE LA SCENA CORSARA 

A partire dal 2011 la compagnia, che ha sede nel quartiere di Roma 70, ha rappresentato i propri spettacoli presso il Teatro Garbatella e presso il Teatro Golden, che grazie alla loro posizione strategica e alla loro conformazione offrono una location estremamente suggestiva. Caratteristica comune di vari lavori è l’importante contenuto sociale. Nel 2020 presso il teatro Garbatella, nell’ambito di un progetto che ha coinvolto alcune scuole dell’VIII Municipio, è stato rappresentato “Migrantes”, con la regia di P. Scotto di Tella, liberamente tratto dal celebre romanzo di John Steinbeck Furore, dedicato al tema dei migranti. Lo stesso spettacolo è stato replicato nel 2021, presso l’Istituto Paritario “Zaveria Cassia” in zona S. Basilio. Dopo aver spaziato dalla letteratura italiana a quella inglese e americana gli artisti si sono dedicati alla messinscena di autori classici greci e latini, optando a volte per la tragedia, a volte per opere che non nascono come testi teatrali. Le principali realizzazioni sono ‘La favola di Amore e Psiche’, Orlando Furioso, l’Odissea, Straniero tra mito e cronaca da Euripide, Sofocle e Virgilio, Iliade e Medea. La Scena Corsara ha animato anche interessanti esperienze didattiche per coinvolgere il tessuto cittadino, tra cui la performance itinerante dedicata a “Il futuro di Forte Ardeatino”, un tema legato alla riqualificazione ambientale di cui Urlo ha spesso parlato negli anni scorsi, dando voce ai comitati cittadini dedicati alla tutela del territorio. In alcuni casi le iniziative si sono svolte fuori Roma, infatti il laboratorio Le ragazze del “99 è stato promosso dal MIUR nella campagna di prevenzione contro il femminicidio (2012-2014) presso l’IIS “Falcone e Borsellino” di Zagarolo e un “Un così forte desiderio di ali”, laboratorio teatrale centrato sui saperi di genere, si svolto presso Il Liceo Scientifico “Colle dei Frati” sempre a Zagarolo.

Per maggiori informazioni: BAGLIORI DI GUERRA Ufficio stampa Sarah Mataloni Sala Lysistrata (Teatro Antigone) Via Amerigo Vespucci 42 dal 10 al 13 marzo (10-11-12 ore 21, dom. 13 ore 17:00) info e prenotazione: 389/5299672; Centro Culturale Artemia Via Amilcare Cucchini 38 Dal 18 al 20 marzo (18-19 ore 21, dom. 20 ore 18) info e prenotazione: 334/1598407

Andrea Ugolini

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 4.771 i nuovi casi, il rapporto con i tamponi è al 10,2%
Next articleDal Campus Bio-Medico 5 borse di studio per studentesse e studenti ucraini