Home Cultura Teatro

M il figlio del secolo

Il libro di Scurati, primo di una serie di cui ancora non si conosce il numero preciso, M il figlio del secolo, è uno dei grandi libri di questa epoca ed è pronto a diventare uno spettacolo teatrale. A un lavoro di ricostruzione certosino e ampiamente documentato alla fine di ogni capitolo, Scurati ha dato un taglio narrativo, creando un nuovo genere che si esalta nelle caratteristiche di entrambi i generi di partenza. Il libro, che racconta la storia di Mussolini, prima della Seconda guerra mondiale, è quanto di più difficilmente immaginabile come rappresentabile su un palcoscenico, per tutti, o quasi, non per un attore, regista e scrittore che con il palcoscenico ci si identifica, forse più di altri: Massimo Popolizio. Popolizio, insieme a Scurati stesso, costruisce dal libro una serie di trenta quadri con l’intento di restituire al pubblico l’atmosfera e le vicende raccontate nel libro stesso. “È una staffetta tra diciotto attori – spiega Massimo Popolizio – che, lontano da ogni retorica, porta all’attenzione del pubblico il ritmo incalzante di una scalata al potere, avvenuta in un momento di profonda debolezza di istituzioni e partiti”. La storia di M, che attraversa un’epoca che ha cambiato la storia dell’umanità, diventa così un appassionante affresco di un Paese in un momento, nel bene o nel male, di grande cambiamento, un momento in cui, in chiave narrativa, le scelte di ogni personaggio diventano chiave. Così a quello di M si aggiungono i ritratti di Marinetti, D’Annunzio, Margherita Sarfatti, gli antagonisti Nicola Bombacci, Pietro Nenni e Giacomo Matteotti, in un susseguirsi di scene e racconti profondi, ben scritti e purtroppo realistici.

Al Teatro Argentina, per tutto il mese di marzo e fino al 3 aprile, va in scena M il figlio del secolo di e con Massimo Popolizio, con Tommaso Ragno, Sandra Toffolatti, Paolo Musio, Raffaele Esposito, Michele Nani, Tommaso Cardarelli, Alberto Onofrietti, Riccardo Bocci, Diana Manea, Michele Dell’Utri, Flavio Francucci, Francesco Giordano e con Gabriele Brunelli, Giulia Heathfield Di Renzi, Francesca Osso, Antonio Perretta, Beatrice Verzotti.

Ads

Teatro Argentina

Largo di Torre Argentina

Info e prenotazioni: Tel. 06 684 00 03 11 / 14

Orari: martedì e venerdì ore 21.00
mercoledì e sabato ore 19.00
giovedì e domenica ore 17.00

Biglietto: Loggione € 12, Palco € 45

Marco Etnasi

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 7.782 i nuovi positivi
Next article“La Saggezza del Tempo”: il dibattito di “7più1 Ottavo Colle”