Home Cultura Teatro

Una grande ripartenza per il Teatro Quirino

Da stasera 25 gennaio fino a domenica 20 febbraio al teatro intitolato a Vittorio Gassman, tornano in scena due grandi classici

ROMA – Stasera martedì 25 gennaio al Teatro Quirino – Vittorio Gassman va in scena la prima serata di un grande classico pirandelliano: UNO, NESSUNO  E CENTOMILA, con Pippo Pattavina e Marianella Bargilli, per la regia di Antonello Capodici. Quella di oggi però non sarà l’unica serata, lo spettacolo infatti andrà avanti fino a domenica 30, esclusa la serata di sabato 29, la quale, a causa dell’impossibilità di un attore ad effettuare la doppia recita, non andrà in scena come previsto alle ore 21.00. Dopo una settimana di pausa, dall’8 al 20 febbraio, sarà la volta di uno degli spettacoli di punta del teatro: SERVO DI SCENA di Ronald Harwood, con Geppy Gleijeses, Maurizio Micheli e Lucia Poli, regia di Guglielmo Ferro.

Ads

UNO, NESSUNO E CENTOMILA

L’opera ripresa dalla trama del libro scritto da Luigi Pirandello agli inizi del 900’, ha come protagonista Vitangelo Moscarda, chiamato dalla moglie Gegè, interpretato nell’opera teatrale da Pippo Pattavina, il quale dona al protagonista una connotazione ambigua, provocatoria e spiazzante. Mariangela Bargilli invece, interpreterà sia la moglie del protagonista, Dida, sia la ‘quasi’ amante Maria Rosa. L’uomo, ricco ereditario della banca del padre e conosciuto come usuraio, è una persona semplice e ordinaria. Un giorno però, a causa di un commento scomposto della moglie, la quale gli fa notare che il suo naso è storto, ha una crisi d’identità. Decide così di cambiare vita, a costo della propria rovina economica, cercando anche di convincere i suoi paesani che lui non è un usuraio come il padre. La moglie nel frattempo, contraria alla decisione avventata del marito, è andata via di casa. Vitangelo, impazzirà in uno ospizio, dove però si sentirà libero da ogni regola, fuori da ogni schema, concludendo che per uscire dalla prigionia della vita non basta cambiare nome, perché la vita è una continua evoluzione, quindi l’unico modo per vivere, è attimo per attimo.

SERVO DI SCENA

Secondo spettacolo al Teatro Quirino, ma non per importanza sarà: Servo di scena, rappresentato per la prima volta all’Exchange Theatre di Manchester nel 1980, è il primo grande successo dell’autore inglese Ronald Harwood. La storia si sviluppa nell’Inghilterra del 1942, dove un gruppo di attori per tenere alto il morale dei soldati, porta in giro il repertorio shakespeariano, recitando nonostante i bombardamenti aerei. Il capocomico, ormai sulla via del tramonto, ma ancora vanitoso e dispotico, continua a recitare come unica sua ragione di vita, aiutato dal suo ‘servo di scena’, Norman, un tutto fare, che lo aiuta come consigliere, segretario e amico. L’opera, “è un grande inno all’amore per il teatro, all’illusione che la civiltà possa sconfiggere le forze oscure della guerra che incombe tutto intorno, oggi come ieri”.

Teatro Quirino – Vittorio Gassman

Via delle Vergini, 7 – 00153 Roma (Fontana di Trevi)

Biglietteria: 066794585

biglietteria@teatroquirino.com

Giancarlo Pini

Previous articleTram 8: quasi conclusi i lavori al capolinea Casaletto
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 17.165 i nuovi casi. Il rapporto con i tamponi è all’11,1%