Home Municipi Municipio IX

A Spinaceto apre un nuovo Centro Antiviolenza

Tratto da Urlo n.194 ottobre 2021

SPINACETO – Dalla fine di settembre sono arrivati a 10 i centri antiviolenza aperti nella Capitale. Luoghi importantissimi per dare assistenza a tutte le donne vittime di violenza. L’ultimo di questi centri ad essere stato inaugurato è quello in via Nicola Stame 160, nel quartiere di Spinaceto, intitolato dall’amministrazione a Massimo Di Gregorio, presidente della Commissione municipale Pari Opportunità del Municipio IX, recentemente scomparso. La decisione di questa intitolazione è arrivata, spiegano dal Comune, dopo un processo partecipativo.

Ads

Il Municipio IX ha provveduto alla ristrutturazione dell’immobile di sua proprietà, dando nuova vita alla struttura (altrimenti inutilizzata). Il servizio del Centro invece viene curato dal Dipartimento Pari Opportunità di Roma Capitale attraverso l’affidamento a un ente gestore che si occuperà di erogare l’assistenza a chi ne farà richiesta.

“I Centri Antiviolenza di Roma Capitale offrono servizi specialistici, tra cui colloqui personalizzati, assistenza psicologica, consulenze legali, supporto ad eventuali figli minori, mediazione culturale per le donne straniere, orientamento al lavoro e all’autonomia abitativa – spiegano dal Campidoglio – Il sostegno offerto è contro ogni tipo di violenza di genere: fisica, sessuale, psicologica, domestica, economica, stalking, molestie sul lavoro. Per ogni donna, viene offerto un piano personalizzato di fuoriuscita dalla violenza”.

INFORMAZIONI DI ACCESSO

L’accesso ai servizi del centro è libero e aperto a tutti. Le operatrici del Centro Antiviolenza in via Nicola Stame 160 sono raggiungibili h24 al numero 333.4912002 o tramite il Numero Nazionale Anti Violenza e Stalking 1522.

È inoltre possibile inviare una mail all’indirizzo cav.municipio9@gmail.com.

La sede è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00.

AC

Previous articleQuando il “cassetto della vergogna” diventa green
Next articlePup Ettore Rolli: nuovo rinvio del Tar