Home Municipi Municipio IX

Accordo IX Municipio-Sindacati: nasce l’osservatorio sullo smart working per supportare l’amministrazione

MUNICIPIO IX – Migliorare le relazioni sindacali e monitorare gli investimenti, compresi i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per valutare le conseguenze sul territorio municipale dei progetti di Roma Capitale e Città Metropolitana. Con questi obiettivi la Presidenza del IX municipio e le organizzazioni sindacali confederali CGIL-CISL-UIL hanno recentemente firmato un protocollo d’intesa partendo dalla convinzione comune che l’informazione, il coinvolgimento, il dialogo e la concertazione siano gli strumenti utili alla condivisione delle scelte e rappresentino il supporto alle azioni amministrative del Municipio. La condivisione democratica infatti rappresenta, soprattutto oggi, la condizione per lo sviluppo e la crescita sostenibile dei territori.

WELFARE INCLUSIVO E PERCORSI EDUCATIVI

La crisi sociale ed economica aggravata dagli effetti della pandemia, ha messo a nudo tutti i difetti di un modello di sviluppo che premia l’individualismo e sottrae risorse al sistema socio-sanitario. Le maggiori disuguaglianze hanno fatto emergere nuove povertà sociali e culturali e hanno spinto le amministrazioni più prossime agli utenti a stabilire un nuovo ordine di priorità nelle politiche pubbliche e nelle scelte amministrative. Il IX municipio vuole dare maggiore impulso alla concertazione e al sistema partecipativo per raggiungere alcuni obiettivi essenziali: rilanciare il sistema produttivo e valorizzare il turismo a sostegno della crescita economica ed occupazionale; creare un nuovo sistema di governo del territorio, in grado di contrastare  qualunque genere di disuguaglianza e povertà, che ponga al centro le esigenze e i bisogni delle persone e dei diversi quartieri del municipio; mettere al centro i percorsi formativi in modo da offrire opportunità per la crescita individuale e collettiva e recuperare così le disuguaglianze educative; offrire a utenti giovani e meno giovani spazi di socialità e fare della cultura una leva della identità e riconoscibilità del territorio.

Ads

LA CITTÀ DEI 15 MINUTI

Cos’è la “ville du quart d’heure”? Il modello sostenibile proposto dall’urbanista franco colombiano Carlos Moreno, che arriva dalla Sorbona di Parigi che prevede di riorganizzare gli spazi urbani in modo che il cittadino possa trovare entro 15 minuti a piedi da casa tutto quello di cui ha bisogno. In questo quadro, enti locali e rappresentanze dei lavoratori ritengono urgente realizzare un decentramento compiuto dal sistema di governo amministrativo di Roma Capitale, definendo fondamentale il ruolo dei municipi come enti di prossimità del territorio e dei cittadini, per rafforzare non solo la partecipazione alle scelte amministrative da parte degli abitanti, ma anche l’efficacia delle azioni di governo del territorio metropolitano, in modo che le risorse e l’opportunità dei fondi del PNRR e tutte le forme di finanziamento previste per i prossimi anni, compresi quelli definiti per il Giubileo del 2025, possano disegnare un nuovo rilancio del IX Municipio nel contesto più generale della città di Roma. Secondo i sindacati, le linee programmatiche definite dalla Giunta del Municipio IX rispondono in gran parte alle priorità di governo territoriale che le parti intendono condividere nella programmazione di merito. In particolare concordano sull’idea di tradurre gli impegni programmatici della “Città’ dei 15 minuti” in un patto con la città attraverso la definizione del Patto per il lavoro, lo sviluppo e la crescita del territorio, prendendo atto che il cambiamento del lavoro e dei processi produttivi determinato dalla digitalizzazione non è un fenomeno transitorio e che il lavoro da remoto ha un forte impatto sulla vita delle persone e incide sulla stessa fisionomia del territorio. La struttura produttiva del Municipio ne è caratterizzata sia direttamente sia indirettamente, perciò sindacati e istituzioni convengono che l’Osservatorio Municipale sul lavoro da remoto abbracci tutti i settori produttivi come laboratorio di interesse per tutta la città.

Andrea Ugolini 

 

Previous articleCrescono i visitatori nei musei e nelle aree archeologiche romane
Next articleParco di Tor Marancia: pronta una delibera per l’apertura