Home Municipi Municipio IX

Ancora un incidente mortale su Vigna Murata

vigna-murata-spiro-valles

Tratto da Urlo n.191 giugno 2021

VIGNA MURATA – Il 10 febbraio del 2020, durante una commissione, questa strada venne inserita in una lista delle 20 arterie più pericolose della Capitale. In quella sede Vigna Murata ottenne addirittura il 12° posto, superata da strade come la Cassia, la Nomentana o la Braccianense. Appena qualche giorno prima (il 6 febbraio) una ragazza di appena 14 anni veniva investita sul marciapiede e trasportata in codice rosso all’Ospedale Bambino Gesù in gravi condizioni.

Ads

Ma la lista degli incidenti, anche mortali, avvenuti su questa strada è piuttosto lunga. A tenere il triste conto sono gli stessi cittadini che da tempo chiedono interventi. Il 27 novembre 2019 era stata investita una ragazza di 17 anni mentre attraversava vicino la Stazione Laurentina. Il 4 febbraio del 2015 un uomo di 43 anni veniva ucciso sulle strisce all’altezza di via della Fonte Meravigliosa. Dopo pochi mesi un 23enne si schiantava contro un albero in corrispondenza di via Stefano Gradi. Fino al 19 maggio scorso, quando si è registrato l’ennesimo incidente mortale: a perdere la vita è stato un ragazzo di 34 anni finito contro un albero in corrispondenza dell’incrocio con via Spiro Valles.

I residenti continuano a tenere il conto degli incidenti, oltre a chiedere di limitare la velocità e ridurre i pericoli: “Occorre assolutamente un maggiore controllo della velocità attraverso il posizionamento di autovelox mobili e fissi, nonché la messa in sicurezza del tratto dei marciapiedi tra via Gradi e via Ardeatina, al fine di garantire l’incolumità delle persone – commenta Carla Canale del CdQ Vigna Murata – Siamo certi che la Sindaca, sensibile alla tematica della sicurezza stradale, voglia intervenire in tal senso e la invitiamo anche ad effettuare un sopralluogo per constatare la pericolosità della strada da poco riasfaltata e dotata anche di segnaletica luminosa verticale agli attraversamenti pedonali”. Tra l’altro la sicurezza dell’arteria nell’ultimo periodo è resa ancora più critica dalla presenza delle deviazioni per il cantiere interessato dalla realizzazione del polo commerciale all’altezza di via di Grotte d’Arcaccio: qui le improvvise strettoie e le transenne creano ulteriori pericoli agli automobilisti e ai pedoni.

LM

Previous articleMercato Capasso: finalmente al via i lavori
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 119 i nuovi casi, il rapporto con i tamponi è all’1,3%