Home Notizie Città Metropolitana

Ardeatina: per i lavori si dovrà aspettare il 2021

SHARE

Tratto da Urlo n.184 Novembre 2020

ARDEATINA – È passato un mese dalla nostra denuncia sullo stato di via Ardeatina (nel tratto al di fuori del GRA), ma la situazione non è migliorata. Con le piogge sono arrivati gli allagamenti che hanno aggravato la situazione. Nessun intervento strutturale è stato disposto, si è effettuata soltanto la copertura delle singole buche. E naturalmente sono bastate poche ore di pioggia e il passaggio di qualche mezzo pesante per farle diventare voragini.

E pensare che un intervento su questa strada è previsto: un appalto da 3 milioni della Città Metropolitana (che ha in carico via Ardeatina in questo tratto), il cui iter però fatica a procedere. Ne ha parlato il consigliere municipale di Fdi, Massimiliano De Juliis, rimarcando le difficoltà in cui versano gli uffici dell’ex Provincia: “Purtroppo manca personale: molti sono andati in pensione e non sono stati sostituiti”. Tempi che si allungano ma che non sono giustificabili: “Così su questa strada si rischia troppo dal punto di vista della sicurezza”, aggiunge De Juliis. Non sono però mancate le azioni da parte del Municipio IX. A fine ottobre c’è stato un sopralluogo, richiesto dallo stesso consigliere De Juliis, con i tecnici dell’ex Provincia. All’incontro ha partecipato anche il Presidente del Municipio, Dario D’innocenti, che si è reso disponibile a concordare le richieste. In particolare si punta a far rientrare nell’intervento la risoluzione degli allagamenti nel tratto che va dall’ingresso al Divino Amore a via Don Umberto Terenzi e all’ingresso del vecchio Santuario. Oltre al tratto di Falcognana molto ammalorato.

Tuttavia sembra che l’appalto non ci sarà prima dell’inizio del 2021, i primi interventi quindi non arriveranno prima di febbraio o marzo. Una situazione censurabile, soprattutto per il fatto che i lavori erano previsti per l’estate. Nell’attesa si potrà solo intervenire in urgenza ‘tappando’ le buche, con il paradosso che lavori più ampi non potranno essere realizzati, perché con l’appalto imminente non sarebbero giustificati.

LeMa