Home Municipi Municipio IX

Cecchignola: dopo la fuga di gas si torna a guardare all’apertura della Città Militare

Il blocco del quartiere ha riacceso il dibattito sulla seconda via d’uscita in direzione di via dei Genieri o di via dell’Esercito

CECCHIGNOLA – Nella giornata di venerdì 21 gennaio il quartiere Castello della Cecchignola (su via della Cecchignola) è stato tenuto in ostaggio da una grossa fuga di gas dovuta alla rottura di una tubatura.

LA FUGA DI GAS

L’incidente è avvenuto poco dopo le 13.00, con la Polizia Locale che ha dovuto chiudere al traffico un’ampia zona compresa fra via Kobler e via della Cecchignola. In via precauzionale è stata interrotta l’erogazione di energia elettrica ed è stato interdetto l’accesso alla zona per permettere ai tecnici di Acea di intervenire. È proprio la società del gas a spiegare quanto accaduto. La rottura della tubatura sarebbe stata provocata dall’intervento di una ditta che stava operando su un allaccio fognario.

Ads

UN NUOVO SBOCCO PER IL QUARTIERE

La chiusa per diverse ore dell’unica via d’accesso al quartiere ha immediatamente riacceso il dibattito sulla necessità di ottenere una seconda via d’uscita per i residenti del Castello della Cecchignola. Sull’argomento, richiamando la storica vertenza dell’apertura della Città Militare, sono intervenute la Presidente del Municipio IX, Titti di Salvo e l’Assessora ai Lavori Pubblici, Mobilità e Urbanistica, Paola Angelucci: “Il Municipio IX ritiene strategico per il quadrante e per garantire la libertà di movimento dei residenti, chiedere, in un apposito tavolo di lavoro con il Ministero della Difesa, una apertura di transito pubblico all’interno della Città Militare, con tutta la sicurezza e le garanzie necessarie, un ulteriore passo per rendere i nostri quartieri interconnessi con la città”.

LA DIFESA DEL FOSSO DELLA CECCHIGNOLA

Nella ricerca di una nuova via d’uscita per il quartiere non si può dimenticare il patrimonio naturale che lo circonda con il Monumento Naturale del Fosso della Cecchignola. È per questo che il consigliere di Sinistra Civica Ecologista, Danilo Borrelli, ha salutato con favore l’iniziativa della Presidente Di Salvo e dell’Assessora Angelucci di guardare ad una soluzione condivisa con il Ministero della Difesa, superando qualsiasi opzione di prolungamento di via Kobler (un progetto osteggiato dai cittadini del quadrante): “Accogliamo positivamente l’intervento della Presidente del IX Municipio Di Salvo e dell’assessora alla mobilità Angelucci che rinnovano la richiesta di un tavolo di lavoro col Ministero della difesa per l’apertura di un transito all’interno della città militare. Un’opera attesa da anni che finalmente può concretizzarsi – afferma Borrelli in una nota – Parallelamente è fondamentale la difesa dell’intero Fosso della Cecchignola, luogo prezioso in un territorio già oggetto di pesanti edificazioni, da preservare e rendere percorribile con percorsi ciclabili e pedonali ai lati del fosso per raggiungere la metropolitana in orario diurno in modo sostenibile e sicuro”.

Leonardo Mancini

Previous articleMunicipio IX: il bilancio capitolino torna a far discutere
Next articleGarbatella: ancora discariche abusive in via Padre Semeria