Home Municipi Municipio IX

Municipio IX: si torna a chiedere l’allaccio idrico per aree più periferiche

Una Mozione di Fdi riaccende i riflettori sull’assenza di servizi primari in periferia, a partire dall’area di via Canestrini a Porta Medaglia

MUNICIPIO IX – Sono diverse le aree del Municipio IX dove ancora oggi non arrivano servizi essenziali come fognature, acqua e gas. Si tratta in particolare di zone periferiche e nuclei ex abusivi, sui quali la politica locale più volte è tornata a richiedere attenzione. Così è stato anche nella giornata di ieri, con il Consiglio Municipale che ha votato una Mozione presentata dal FdI proprio sul tema della realizzazione della rete idrica mancante in via Giovanni Canestrini (a Porta Medaglia) e in altre aree del territorio municipale.

LA MOZIONE DI FDI

Questo documento, spiega il capogruppo municipale di Fdi, Massimiliano De Juliis, “chiede a questa amministrazione di impegnarsi per portare le condotte idriche nei quartieri periferici che ne sono ancora sprovvisti, in primis in via Giovanni Canestrini, che attende da circa 10 anni, per passare a Trigoria, Santa Palomba, Bel Poggio, Montemigliore e tante altre”. Tra i problemi che in questi anni hanno rallentato l’avvio degli interventi (un iter più volte ribadito in diverse sedute della commissione Capitolina Lavori Pubblici) ci sarebbe la necessità da parte di Roma Capitale di approvare il Toponimo della zona, senza il quale non è possibile rilasciare il nulla osta per realizzare la rete idrica. Un avvitamento amministrativo che ha avuto il solo risultato di creare ulteriori disagi ai cittadini. Inoltre nel testo della Mozione si legge come non sia da escludere una possibile contaminazione delle falde acquifere della zona, sia a causa della presenza di impianti per lo smaltimento di inerti che per il possibile sversamento di compost irregolare (indagine “smoking fields” svolta dalla D.D.A.).

Ads

SUPERARE GLI OSTACOLI AMMINISTRATIVI

Con il voto di questo atto il parlamentino di via Silone ha impegnato la Presidente Di Salvo e la Giunta a farsi portavoce con il Sindaco Gualteri di queste criticità, sollecitandolo a dare mandato ad Acea di predisporre un progetto per la realizzazione della condotta idrica di via Canestrini nel Programma degli Interventi 2022-23. Un’iniziativa che potrebbe segnare la strada per risolvere lo stesso tipo di problema anche nelle altre zone ancora escluse da questi servizi primari. “Il nostro impegno per portare servizi fino all’estrema periferia ci vede sempre in prima linea e siamo inoltre felici che, progetti richiesti o iniziati con noi quando eravamo maggioranza – Montemigliore e Torretta Ndr – si stiano realizzando nonostante si siano persi molti anni nel passato recente – conclude il consigliere De Juliis – Sembra assurdo che nel 2022 vi siano ancora zone sprovviste di servizi primari e, aiutare questi cittadini, è diventata una delle nostre missioni politiche”.

Red

Previous articleOttavo Colle: possibile inquinamento acustico, richiesto l’intervento dell’ARPA Lazio
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 6.625 i nuovi positivi