Home Municipi Municipio IX

Riapertura via Bonn: fine dei lavori prevista per inizio 2023

Vicini alla conclusione anche i cantieri di via Nairobi e via Cesare Pavese

Tratto da Urlo n.207 dicembre 2022

MUNICIPIO IX – Dopo vari ritardi, sembrano in dirittura di arrivo i lavori per la riapertura di via Bonn, nel tratto compreso tra il civico 35 e l’incrocio con viale Città d’Europa. La strada del Torrino è rimasta chiusa al transito per più di cinque anni e mezzo a causa di problemi legati al dissesto idrogeologico.

Ads

LA RIPRESA DEI LAVORI

“Il cantiere di via Bonn è in dirittura di arrivo – ha comunicato recentemente l’Assessora ai Lavori Pubblici del IX Municipio, Paola Angelucci – dopo cinque lunghi anni, un tempo esagerato per un’opera di dimensioni così contenute. Un cedimento del terreno proprio al centro della strada aveva generato un movimento verso valle rendendo necessaria la rielaborazione del versante in frana. Grazie alla stretta collaborazione tra Dipartimento Lavori Pubblici e Assessorato capitolino e un impegno più intenso del IX Municipio è stata possibile una ripresa del cantiere fermo da troppo tempo”. Lo scorso febbraio la ripresa dei lavori era stata bloccata dal ritrovamento di una grande falda acquifera e la stessa Angelucci aveva spiegato a Urlo che gli interventi si erano interrotti per permettere lo spostamento di due linee di media tensione di Areti, che con l’occasione ha anche ammodernato la linea elettrica. Nel 2021 l’ex Sindaca Raggi aveva parlato di consolidamento stradale con dei micropali a sostegno del versante della collinetta di via Bonn, ma Angelucci ha detto che sono stati montati pali più grandi e adatti allo scopo, aggiungendo che l’ultima ripresa degli interventi dello scorso 25 luglio si è subito fermata perché il direttore dei lavori aveva riscontrato difformità nella carpenteria del cantiere. “Pochi giorni fa abbiamo fatto un sopralluogo con la Commissione LL.PP ed i tecnici del Campidoglio – ha precisato l’Assessora – e ora siamo pronti a restituire via Bonn ai residenti e al territorio. La parte strutturale è completata, resta solo da armare la trave di collegamento, consolidare con il cemento e riasfaltare la strada. L’anno nuovo ci porterà via Bonn tutta sistemata e, soprattutto, sicura”.

VIA NAIROBI E VIA CESARE PAVESE

Sono ripartiti anche gli interventi per via Nairobi, la strada dell’Eur che collega viale Africa e viale dell’Umanesimo, chiusa da ormai sette anni a causa di un cedimento di una galleria dei sottoservizi che ha messo in pericolo la stabilità della strada e della collina limitrofa. Sempre Angelucci ha spiegato che “recentemente le società che gestiscono queste reti (energia elettrica, gas, fibra ottica, telecomunicazioni) hanno trovato una soluzione comune per i sottoservizi senza costruire nuove gallerie ed evitando così ulteriori pericoli per la sicurezza dell’area. Purtroppo nel bando di gara non è stato previsto l’espletamento delle indagini archeologiche, indispensabili per legge in un cantiere di queste dimensioni, ora il cantiere è potuto ripartire proprio perché sono state fatte le opportune ricognizioni”. Anche a via Cesare Pavese, ha proseguito Angelucci, “abbiamo fatto partire i lavori dopo aver approvato una prima disciplina per il traffico che deve essere varata dal Dipartimento mobilità capitolino e che ci permetterà di completare la segnaletica. Il IX Municipio ha stanziato ulteriori fondi, così da qui alla fine dell’anno potremo realizzare gli attraversamenti pedonali con gli scivoli per disabili abbattendo le barriere architettoniche”.

CRITICHE PER LA LENTEZZA DEGLI INTERVENTI 

La capogruppo della Lista Raggi del IX Municipio, Carla Canale (membro della Commissione Mobilità ed LLPP), ha ripercorso tutto l’iter. “L’UO Dissesto Idrogeologico del Dipartimento SIMU ha dovuto compiere varie indagini, con un intervento anche di AceaATO2 per una verifica sulle fognature, che ha impedito la riapertura della strada in tempi brevi. Ulteriori monitoraggi sui movimenti della scarpata sono poi stati tradotti in progettazioni oggetto di Conferenza di Servizi e del Nulla Osta del Genio Civile. Il 30/12/2020 è stata quindi pubblicata su piattaforma MEPA (Mercato Elettronico Pubblica Amministrazione) la gara per i lavori di consolidamento di via Bonn, per un importo complessivo a base d’asta di 460mila euro e tutto il lavoro dispendioso è stato svolto durante la Giunta Raggi.  Nonostante ciò, con l’insediamento della nuova Giunta sono seguiti altri ritardi che abbiamo certificato e seguito di volta in volta con la Commissione Mobilità ed LLPP di cui faccio parte”, ha concluso Canale.

Andrea Ugolini

Tratto da Urlo n.207 dicembre 2022

Previous articleTorna “Vivi Cinema e Teatro” Roma: che lo spettacolo abbia inizio!
Next articleParco del Forte Ardeatino: in attesa dei lavori, ci pensano i cittadini