Home Notizie Cronaca Roma

Termovalorizzatore: dal Circolo Legambiente arriva l’attacco all’amministrazione municipale

Gli attivisti parlano di “bocche cucite” e pubblicano una foto in stile “Il silenzio degli innocenti”

MUNICIPIO IX – Fin da ora lo scontro sul termovalorizzatore da realizzare sui terreni di Santa Palomba si preannuncia senza esclusione di colpi. Dopo l’annuncio dell’acquisto dei terreni da parte di AMA non sono mancate le polemiche sulla scelta che oramai l’Amministrazione capitolina sembra aver fatto per le aree del Municipio IX al confine con Pomezia. In particolare nelle ultime ore ha fatto scalpore un post pubblicato su Facebook dalla pagina “Circolo Legambiente Agro Romano Meridionale” che ritrae con le bocche chiuse da una cerniera la presidente del Municipio IX, Titti Di Salvo, l’Assessore municipale all’Ambiente, Alessandro Lepidini, e il presidente della commissione Ambiente, Manuel Gagliardi. La fotografia che punta a riprendere la locandina del noto film interpretato da Anthony Hopkins e Jodie Foster, riporta anche la scritta “I cittadini non devono sapere. Il silenzio degli innocenti”.

Ads

IL POST DEL CIRCOLO LEGAMBIENTE

L’immagine è accompagnata da un lungo post nel quale si punta il dito contro l’attuale maggioranza alla guida del Municipio IX per non aver comunicato efficacemente con la cittadinanza su questa vicenda. “Questo pomeriggio il nostro Presidente è stato contattato dalla Segreteria del Sindaco – spiegano nel post – Durante la discussione si è parlato dell’inceneritore e gli è stata confermata la sede di Santa Palomba (salvo problemi nel corso dei sondaggi). Ovviamente – prosegue il post – da parte di Titti Di Salvo Presidente Municipio IX, dall’Assessore all’ambiente municipale, Alessandro Lepidini, e dal Presidente della Commissione Ambiente, Manuel Gagliardi, bocche cucite. Idem da tutti i Consiglieri della maggioranza”.

LA REPLICA DEL MUNICIPIO IX

I toni e l’immagine utilizzata dalla pagina Facebook “Circolo Legambiente Agro Romano Meridionale” sono stati duramente criticati dalla maggioranza municipale. In particolare è il Presidente del Consiglio del Municipio IX, il consigliere democratico Luca Bedoni, a commentare già nella serata di ieri: “Episodi del genere, di natura intimidatoria, e con chiari richiami ad atteggiamenti mafiosi, non pregiudicheranno l’attività consiliare – seguita Bedoni – Il Municipio IX mantiene la linea della trasparenza nei confronti dei sui cittadini. Il dialogo, nel rispetto delle pluralità delle idee, e sarà valore fondante dell’azione amministrativa. Continueremo la discussione nei luoghi preposti, al fine di salvaguardare la democrazia, a fronte di atti privi di logica“. È poi la giunta, assieme ai consiglieri di maggioranza a parlare di “immagini ignobili” e ad esprimere la vicinanza alla presidente Di Salvo, all’Assessore Lepidini e al Consigliere Gagliardi: “È impossibile non rimanere sgomenti per l’offensività dei toni utilizzati e la pubblicazione di immagini ignobili e intimidatorie, che evocano simboli molto distanti dall’idea di democrazia che abbiamo e cerchiamo di onorare tutti i giorni con il nostro impegno nella Giunta e nel Consiglio municipale. La nostra voce – continua il comunicato – è quella dei cittadini del Municipio IX, che ci hanno dato il privilegio della loro fiducia per governare il territorio. Come abbiamo dimostrato da un anno a questa parte, il dialogo costante con cittadini e associazioni è il modo in cui intendiamo interpretare il nostro ruolo istituzionale. Per questo riteniamo inaccettabile che vengano utilizzati toni e immagini di offesa, intimidazione e denigrazione – e ancora – La scelta del confronto sul piano rifiuti con i cittadini è la nostra scelta: la faremo insieme al Campidoglio“.

IL CONSIGLIO STRAORDINARIO

Una prima occasione di confronto (o di scontro visto il clima) dovrebbe essere il consiglio municipale straordinario in tema di rifiuti fissato, come ci confermano dal Municipio IX, per il 10 novembre prossimo. In quell’occasione sicuramente non saranno di certo ignorati temi come la realizzazione del termovalorizzatore, oppure l’utilizzo delle aree di Santa Palomba.

SOLIDARIETÀ DALLE ALTRE FORZE POLITICHE

Solidarietà agli esponenti della maggioranza è arrivata anche dagli esponenti locali della Lista Civica Calenda Sindaco: “A prescindere da come la si pensi su qualsiasi tematica, ciò che riteniamo assolutamente non condivisibile è l’uso di immagini che, utilizzate e modificate con l’intento di rafforzare il testo, finiscono per scadere nel dileggio personale di chi si ritiene si comporti in modo diverso da come si vorrebbe – si legge in un comunicato – Le diversità di vedute non possono mai prescindere dal rispetto delle persone, di tutte le persone, anche di chi non se ne condivide affatto il pensiero, e questo rispetto è sempre dovuto e mai derogabile”.

Leonardo Mancini

+++ Articolo aggiornato alle 17.50 del 26 ottobre 2022 +++

Previous articleVandali nell’Istituto Ruiz dell’EUR: estintori svuotati e 74 finestre rotte
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 3.279 i nuovi casi positivi