Home Municipi Municipio IX

I Municipi VIII e IX insieme per la sicurezza di via di Vigna Murata

Si tornano a chiedere interventi per la sicurezza stradale e per diminuire l’impatto dei cantieri aperti sull’arteria

Tratto da Urlo n.198 febbraio 2022

VIGNA MURATA – Anche il Municipio VIII ha preso parola per denunciare la pericolosità di via di Vigna Murata, arteria che collega l’Ardeatina alla Laurentina al confine con il Municipio IX. Nel corso degli anni ci sono stati molti incidenti (anche mortali), spesso causati dall’alta velocità tenuta dagli automobilisti unita alla conformazione della strada (rettilinei veloci intervallati da curve pericolose). Negli ultimi mesi la situazione è anche peggiorata a causa dei restringimenti alla carreggiata dovuti ai cantieri per la realizzazione di un supermercato all’altezza di via di Grotte D’Arcaccio (relativa al piano di trasformazione urbanistica Vigna Murata). Un problema molto sentito anche dai vicini plessi scolastici di via Morandini, con gli studenti costretti a pericolosi attraversamenti per raggiungere le fermate degli autobus.

Ads

LA POSIZIONE DEL MUNICIPIO VIII

Dopo la presentazione di un atto in Municipio IX, poi ritirato dal M5S per condividerne i contenuti con le altre forze politiche, anche l’VIII Municipio ha voluto rafforzare le richieste di maggiore sicurezza. Nel parlamentino di via Benedetto Croce si è infatti votata (all’unanimità il 12 gennaio scorso) una Proposta di Mozione presentata sempre dal M5S. “La Mozione poneva l’attenzione su un tema, quello della sicurezza stradale, importante per tutto il territorio del Comune di Roma, focalizzando l’attenzione sull’arteria che divide l’VIII dal IX Municipio e che negli ultimi anni ha visto il verificarsi di numerosi incidenti che hanno causato circa 500 feriti e alcuni morti – commenta al nostro giornale il Capogruppo del M5S, Marco Merafina – A dimostrazione della sensibilità di tutto il Consiglio Municipale, la Mozione è stata sottoscritta anche da tutte le altre forze politiche”. Nel testo si chiede che il Presidente Ciaccheri si attivi per chiedere il completamento degli interventi relativi al Piano di trasformazione urbanistica Vigna Murata, oltre all’installazione di apparati idonei per limitare la velocità dei veicoli. In ultimo, tra le richieste contenute nel documento, così come ricordato dal Consigliere Merafina, c’è quella di “conoscere lo stato di attuazione del Piano Urbano di Mobilità Sostenibile (PUMS), circa la realizzazione della pista ciclabile a via di Vigna Murata, tra via Ardeatina e via Laurentina, di interesse per entrambi i municipi come esempio di mobilità alternativa”.

LA MOZIONE IN MUNICIPIO IX

A seguire sono tornati sull’argomento anche in Municipio IX, grazie a una Mozione preparata dai consiglieri del M5S e della Lista Civica Virginia Raggi. Il testo non è però andato al voto, vista la volontà (comune a tutte le forze politiche) di rivederlo anche con gli uffici tecnici per arrivare ad un documento condiviso. Al momento in cui scriviamo la consigliera Carla Canale, della Civica Virginia Raggi, conferma che il 26 gennaio il testo è andato in discussione in commissione Mobilità: “In quella sede la Polizia Locale ha dato il suo assenso per l’installazione di autovelox fissi e per la realizzazione di un attraversamento rialzato tra via Stefano Gradi e via Spiro Valles, quasi all’ingresso dell’Istituto Agrario Garibaldi. Inoltre – aggiunge Canale – è stato richiesto dalla Scuola Primo Levi un impianto semaforico subito dopo l’incrocio con via Andrea di Buonaiuto”. Nelle prossime settimane la Mozione rivista dovrebbe essere votata in commissione, prima di passare alla Giunta e all’esame del parlamentino di via Silone. Resta però l’amaro in bocca per un punto stralciato dal nuovo testo: “Per il momento – aggiunge Canale – è stata eliminata dalla Mozione la questione della ciclabile, un’opera che secondo me servirebbe a diminuire il traffico e a dare ai cittadini della zona un’ulteriore possibilità di mobilità alternativa al mezzo privato”.

Leonardo Mancini

Previous articleHarry Potter e la pietra filosofale
Next articleA Mezzocammino si torna a parlare della ‘stazione fantasma’ della Roma-Lido