Home Municipi Municipio VIII

“A” come arte, amicizia, allegria, aiuto, associazionismo…

Forse non tutti sanno che esistono sul Territorio del Municipio VIII delle attività di integrazione per giovani con problemi legati alla disabilità cognitiva.

Queste attività hanno portato al successo di una impresa di rivalorizzazione del Territorio del Municipio VIII – il giardino di Via Cesarea – che dopo anni di abbandono, è stato prima curato e rimesso a nuovo dalla Associazione Agape San Paolo e, successivamente è stato ripristinato come luogo di incontro e di socializzazione tramite il lavoro di tre associazioni ed il finanziamento della regione Lazio.

Ads

Nel 2022 si è concluso il progetto di Comunità solidali 2020, portato avanti dalle tre associazioni Agape San Paolo, Promozione Persona e Ars in Urbe che hanno trasformato il giardino in un luogo di incontro, di scambi, di giochi, di visite culturali e di piece teatrali, portati avanti dal gruppo teatrale di condivisione “Gli amici del teatro in persona“.

Il laboratorio con il suo teatro di improvvisazione, ha rappresentato un percorso di crescita per i partecipanti, giovani con problemi cognitivi e volontari normodotati, ed ha costituito un punto di svolta per la rivalorizzazione sociale del parco.

Il laboratorio nato con l’obiettivo di sviluppare l’amicizia fra i componenti del gruppo e la capacità di esprimersi attraverso il linguaggio del corpo e della parola, ha permesso di portare in scena piccole rappresentazioni, utili per le attività svolte nel giardino e per lo sviluppo di pillole formative sul mondo digitale. Questi spettacoli – costruiti in un clima di collaborazione e di intensa creatività – ha permesso ai giovani di inventare, improvvisare, esprimersi creando uno spettacolo nello spettacolo, dove il pubblico presente (giovani, anziani, bambini) ha potuto interagire e relazionarsi creando un dialogo nella diversità. Il giardino ha ripreso vita ed è stato acquisito come nuova “piazza” per il Territorio: un luogo da rispettare in quanto “punto di incontro per tutti”.

Certamente il successo dell’impresa ha avuto bisogno della collaborazione di tutti: Regione, Municipio, associazioni e rete di quartiere ma è stato fondamentale l’apporto dei giovani, pieni di entusiasmo e di rispetto per il Territorio. Ci auguriamo che la collaborazione insieme alla cura ed il rispetto dell’ambiente continui…

 VM

Previous articleNel futuro delle Torri dell’EUR potrebbe esserci la nuova Authority europea
Next articleMarconi: l’ex cinema è ancora uno scheletro