Home Municipi Municipio VIII

Con le scuole chiuse in Municipio VIII nasce la ‘Scuola di territorio’

La comunità locale si organizza per non lasciare soli i ragazzi e le ragazze: contenuti online per una didattica alternativa

SHARE

MUNICIPIO VIII – In tempi di coronavirus e di scuole chiuse, il Municipio VIII ha lanciato l’iniziativa ‘Scuola di territorio’, chiamando a raccolta la comunità locale. Negozianti, associazioni, professionisti, cittadini e cittadine hanno offerto il loro contributo personale ai bambini e alle bambine costretti a casa dalle misure cautelative contro la diffusione del coronavirus.

LA PIATTAFORMA

Il Municipio VIII e le varie realtà che compongono la sua comunità hanno pensato ad un modo alternativo per essere “rete di connessione” anche nella gestione di questa emergenza. Si tratta di una piattaforma online che raccoglie una serie di contribuiti video (tra i tanti c’è anche il nostro con una breve lezione di giornalismo) destinati ai più piccoli. Intrattenimento, storie, attività e piccole lezioni appunto, per una formazione unica, divertente e alternativa.

TANTI I CONTENUTI ONLINE

C’è un po’ di tutto tra i contributi pubblicati in queste ore: dal Comitato di Quartiere che chiede consigli ai bambini e alle bambine del territorio su come curare al meglio i beni comuni, fino a chi insegna come aggiustare una ruota forata della bicicletta assieme a chi sdrammatizza le vicende del coronavirus con una fiaba. “Quello che abbiamo messo insieme in poche ore è uno strumento potentissimo, all’interno del quale la nostra comunità si sta riversando completamente – ci spiega l’assessora municipale alla Scuola, Francesca Vetrugno – Le scuole non sono ancora pronte alla didattica a distanza. Ci si sta attrezzando, ma intanto abbiamo fatto nascere questa piattaforma che ora dopo ora si arricchisce di contributi”. I video che stanno arrivanti sono molti, ci racconta l’assessora, “Anche in una situazione di questo genere la rete territoriale del Municipio VIII ha risposto velocemente e con tante idee interessanti”.

Leonardo Mancini