Home Municipi Municipio VIII

Eight Team: giovani e territorio, gli ingredienti di un’estate all’insegna dei beni comuni

Sono 70 i ragazzi e le ragazze dai 14 ai 17 anni, che si stanno occupando di iniziative di cura e riqualificazione sul territorio del Municipio VIII

MUNICIPIO VIII – È partita da qualche giorno, dando già i primi frutti, l’esperienza del progetto “Eight Team” attivato dal Municipio VIII con l’ausilio di alcune associazioni e con i commercianti del territorio. “Impegno, partecipazione, per coinvolgere le ragazze e i ragazzi nella costruzione di una città giusta e a misura di tutte e tutti”, così il Presidente del Municipio VIII ha annunciato la partenza delle attività.

L’INIZIATIVA

Sono circa 70 i ragazzi e le ragazze che hanno preso parte a questa iniziativa e che, come ci spiega l’assessora alla Scuola del Municipio VIII, Francesca Vetrugno, si stanno impegnando in un progetto articolato sull’impegno minimo di una settimana durante la quale, oltre che ad occuparsi direttamente della cura di alcuni spazi comuni, saranno a contatto con le realtà commerciali del territorio e daranno il loro contributo diretto anche all’interno dei centri estivi del Municipio. “Naturalmente i ragazzi saranno sempre accompagnati nei loro spostamenti da un tutor che li seguirà per tutto il percorso – spiega Francesca Vetrugno – Si tratta di ragazzi ragazze tra i 14 e i 17 anni che inizialmente avevamo indicato in 20 partecipanti. La grande richiesta ci ha però portato subito ad aumentare il numero fino ad arrivare a 70 persone”.

Ads

LA CURA DEI BENI COMUNI

Il progetto, spiega l’Assessora Vetrugno: “Si basa sulla cura dei beni comuni ed è strettamente legato al concetto di cittadinanza attiva. Per ora i ragazzi si sono già occupati delle panchine di Montagnola, di alcune aiuole e della cancellata di una scuola. Piccoli grandi interventi che progettano e mettono in pratica da soli”. Al termine del periodo in cui sono occupati con questo progetto i ragazzi ottengono un buono da parte del Municipio VIII, che possono spendere in alcune attività culturali e commerciali. “Non è un compenso – spiega Vetrugno – ma uno stimolo ad impegnarsi, a conoscersi e ad avere cura del territorio. È dalla cura che nasce il rispetto e la consapevolezza”.

SCOPRIRE LE PROPRIE POTENZIALITÀ

Alla presentazione del progetto, l’11 luglio scorso, erano presenti anche la capogruppo del Pd in Campidoglio Valeria Baglio e il delegato alle Politiche Giovanili di Roma Capitale Lorenzo Marinone. “Un’iniziativa di riorganizzazione del territorio che rende i ragazzi protagonisti del loro futuro – hanno affermato – In particolare, i ragazzi e le ragazze guidate da operatori, verranno coinvolti e nella cura dei beni comuni come parchi, aiuole e scuole. Con questo progetto, che prevede anche il coinvolgimento delle associazioni del territorio e dei commercianti di quartiere, facciamo scendere in campo i giovani con la loro creatività, incoraggiandoli anche alla scoperta e all’impego delle loro potenzialità”.

LeMa

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 6.833 i nuovi casi positivi
Next articleCarta d’Identità Elettronica: open day il 23 e 24 luglio