Home Cultura

Metro Garbatella: il nuovo murales Urban Fragments è un inno al quartiere, all’arte e all’ambiente

L’opera, promossa Yourban2030 in collaborazione con Atac e il Municipio VIII, è stata da realizzata con pittura anti-smog di Airlite e riqualifica l’area fornendo ai passanti un’inedita mappa di Garbatella

GARBATELLA – L’arte conquista nuovi spazi alla Metro Garbatella. Presso la stazione infatti è stato realizzata l’opera Urban Fragments di Maria Ginzburg, il nuovo murales promosso da Yourban2030. Valorizzare gli spazi comuni, rendendoli fruibili attraverso uno sguardo diverso e contemporaneamente mantenere alta l’attenzione alla tutela ambientale: sono questi gli obiettivi del progetto, nato in collaborazione con Atac e il Municipio VIII, per la realizzazione del quale l’artista ha impiegato la pittura anti-smog di Airlite, fornita gratuitamente per l’occasione. Il murales è stato curato e coordinato da Maura Crudeli, project manager di Yourban2030.

IL PROGETTO

Con la realizzazione del murales Urban Fragments, Yourban2030 ha portato a termine la riqualificazione della piazza antistante la metro B, accesso simbolico a uno dei quartieri icona della Roma del ‘900. Dopo aver dato vita al primo Green Smart Wall della capitale – nonché tra i primi in Italia (The Endless Growth ad opera dell’artista Alessandro Bello Tabbi in collaborazione con Myllennium Award) – Yourban2030, un’associazione no profit guidata da Veronica De Angelis, con Urban Fragments prosegue il suo impegno: l’opera non è solo valorizzazione di giovani artisti e riqualificazione urbana ma un vero e proprio servizio pubblico offrendo ai visitatori un’originale visione del quartiere, regalando a visitatori e passanti un’inedita mappa di Garbatella.
L’opera trasforma il luogo di accesso allo storico quartiere in un punto informazioni smart (grazie alla gtecnologia di prossimità dello Smart Wall inaugurato a dicembre 2021), artistico e amico dell’ambiente, grazie alle particolari pitture impiegate che hanno la capacità, attivate dalla luce, di dar vita a una reazione chimica in grado di eliminare gli inquinanti pesanti, trasformandoli in Sali inerti: il murales elimierà circa 5,54 g di NOx/giorno, come 36 mq di foresta, assorbendo lo smog di circa 7,7 auto benzina euro 6 al giorno.

Ads

LA VALORIZZAZIONE DELL’AREA

Con Urban Fragments – ha detto invece Veronica De Angelis, Presidente della no profit Yourban2030abbiamo portato a termine quell’opera di recupero di uno dei punti nevralgici di Roma già avviata a dicembre 2021 con il primo smart wall di Roma, The Endless Growth firmato da Alessandro Bello Tabbi e promosso in collaborazione con Myllennium Award. Da oggi chiunque passerà da questa piazza avrà la possibilità di usufruire ai contenuti digitali informativi e di servizio offerti dalla tecnologia di prossimità dello smart wall e di guardare al quartiere Garbatella con sguardo nuovo. Urban Fragments è il nostro modo per valorizzare questo meraviglioso quadrante cittadino, caratterizzato dal barocchetto romano. Tutto questo – ha aggiunto la De Angelis – è stato possibile grazie all’impegno profuso dal Municipio VIII, che negli anni ha investito sul quartiere con attenzione e intelligenza, e in collaborazione con ATAC che ha messo a disposizione i muri e gli spazi”.
Ecco la stazione Metro Garbatella dove l’arte conquista un nuovo spazio e incornicia questa piccola piazza pedonale”, ha commentato Amedeo Ciaccheri, presidente del Municipio VIII: “L’artista Maria Ginzburg porta la vita e i colori a prendere forma in questo affresco urbano dedicato a questo quartiere a pochi giorni al suo prossimo anniversario. Una nuova opera realizzata grazie a Yourban2030 che con Urban Fragments dona un nuovo Mural mangia smog per completare la trasformazione artistica della stazione metropolitana iniziata con lo smart wall The Endless Growth. Che dire, un regalo bellissimo a Garbatella dove innovazione, arte pubblica, sostenibilità si intrecciano insieme grazie a questa associazione straordinaria che sta cambiando volto alla città”, ha concluso Ciaccheri.
APT

Previous articleResidence Bravetta: si torna a parlare delle opere pubbliche
Next articleCanili di Roma, dal M5S la denuncia delle condizioni di degrado in cui versano