Home Notizie Cronaca Roma

Ospedale Cto: con la riduzione del PPI si torna a pensare alla Casa della Salute

Dal 26 ottobre il Punto di Primo Intervento del CTO è stato spostato e ridotto. Ciaccheri: “Abbiamo bisogno di un programma di prossimità e si chiama Casa della Salute”

SHARE
ctovedutarepertorio

GARBATELLA – In questi ultimi giorni ci sono state non poche novità per l’Ospedale CTO della Garbatella. In particolare con lo spostamento, con la conseguente riduzione, del Punto di Primo Intervento PPI, per fare posto al Pronto Soccorso Specialistico Ortopedico, attivato nella struttura dal mese di aprile.

LE INTERROGAZIONI IN REGIONE

La Asl Roma2 ha infatti diffuso una nota nella quale si spiega che il PPI, dal 26 ottobre, è stato spostato e il ridimensionato all’interno del Poliambulatorio S. Nemesio CTO. In questi giorni non sono mancate le interrogazioni in Regione Lazio sulla vicenda. In particolare hanno chiesto conto del futuro del PPI al governatore Zingaretti, Chiara Colosimo di Fdi e Orlando Tripodi della Lega.

DAL MUNICIPIO VIII

Dal territorio Municipale anche il minisindaco Amedeo Ciaccheri ha rilasciato al nostro giornale una breve dichiarazione sulla vicenda che sta interessando il nosocomio: “Il rilancio del CTO deve andare di pari passo con il rafforzo della sanità del territorio – afferma il presidente – In questi mesi l’ospedale è stato oggetto di un grande investimento sulle tecnologie e sui servizi, oggi bisogna continuare sul percorso intrapreso con un piano assunzionale di pari livello perché la struttura sanitaria e il Pronto Soccorso siano sostenuti da tutte le figure professionali necessarie”.

LA CASA DELLA SALUTE

Nei mesi scorsi il minisindaco Ciaccheri aveva riferito al nostro giornale la volontà di fare pressione per l’apertura di una Casa della Salute sul territorio, proprio in relazione al prossimo ridimensionamento del PPI del CTO. Un progetto non nuovo, che in passato aveva interessato gli spazi del San Michele a Tor Marancia. Anche in questo frangente il Presidente Ciaccheri è tornato su quest’idea: “Abbiamo bisogno di un programma di prossimità che ha un obiettivo chiaro e oggi urgente, e si chiama Casa della Salute. Su questo devono lavorare tutte le istituzioni coinvolte, prima fra tutte la Regione Lazio per dare in queste settimane il segno di un investimento strategico in salute pubblica e sanità di territorio che oggi è decisivo nella lotta al Covid”.

LeMa