Home Notizie Cronaca Roma

Ostiense: finalmente rimossi i rifiuti sotto il Ponte Spizzichino

OSTIENSE – Questa mattina gli operatori dell’AMA sono intervenuti con un’importante bonifica nelle immediate vicinanze del lato Ostiense del Ponte Settimia Spizzichino. In quest’area di difficile accesso, circondata da un lato dal Ponte e dall’altro dal cantiere in abbandono degli ex Mercati Generali, negli ultimi anni si è formata una vera e propria microdiscarica abusiva formata da sacchetti dell’immondizia e da altri materiali di scarto.

LA BONIFICA SOTTO IL PONTE SPIZZICHINO

A dare notizia dell’intervento è l’assessora capitolina ai Rifiuti, Sabrina Alfonsi, attraverso i suoi social: “Continua il lavoro quotidiano di cura del territorio e bonifica delle oltre cento microdiscariche abusive trovate al momento dell’insediamento – afferma – Ne abbiamo bonificate finora oltre ottanta, con l’obiettivo di far tornare Roma una città pulita, sana, decorosa. Questa mattina le squadre di AMA sono intervenute presso il ponte dedicato a Settimia Spizzichino, nel quartiere Ostiense, per bonificare l’area preda di degrado e illegalità”. L’intervento in questione fa parte delle operazioni dedicate alla giornata del 2 aprile, che il Campidoglio dedicherà alla cura della città e che vedrà coinvolte associazioni, comitati, cittadini e istituzioni.

Ads

UNA SITUAZIONE SEGNALATA DA TEMPO

La bonifica da parte degli operatori dell’AMA era attesa da tempo dagli abitanti dei quartieri Ostiense e Garbatella collegati dal ponte in questione. Già a partire dal luglio del 2020 il nostro giornale ha raccolto diverse segnalazioni e richieste di intervento da parte dei cittadini, senza che la situazione trovasse una soluzione. L’ultima segnalazione giunta a lettori@urloweb.com è dell’ottobre scorso. Ci sarà da monitorare quanto questo intervento sia risolutivo, nella speranza che tra qualche mese non si torni a denunciare una nuova microdiscarica abusiva.

LeMa

Previous articleMunicipio IX: firmato un nuovo protocollo con l’Ordine degli Psicologi
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 8.340 i nuovi casi