Home Cultura Libri

Ostiense: l’ex Alexis potrebbe diventare la nuova biblioteca del quartiere

Il Municipio VIII e Biblioteche di Roma candideranno la struttura per usufruire dei fondi del PNRR

OSTIENSE – Nonostante l’apertura di alcuni nuovi poli bibliotecari sul territorio municipale negli ultimi anni, dopo la chiusura dell’esperienza della biblioteca all’interno del Caffè Letterario di via Ostiense, il quartiere era rimasto senza un vero e proprio punto di riferimento. Anche se all’interno del Coworking Industrie Fluviali è stato aperto un punto di prestito, tra i cittadini è molto sentita la mancanza di un polo bibliotecario, che andasse a sostituire i locali presenti in passato all’interno degli ex Mercati Generali. Ora una possibilità per sanare questa assenza potrebbe arrivare dai fondi del PNRR.

UNA NUOVA BIBLIOTECA AD OSTIENSE

Il minisindaco Amedeo Ciaccheri ha infatti reso nota l’intenzione di candidare l’edifico di via Ostiense 124, dove fino al 2017 era presente l’occupazione abitativa Alexis, a diventare una nuova biblioteca e centro culturale. “Il Bando Nazionale per i Piani Urbani Integrati ci dà la possibilità di partecipare con questa candidatura a progettare fondi per circa 2 milioni di euro funzionali al recupero di uno spazio centrale per Ostiense su cui programmare un nuovo modello di gestione – afferma Ciaccheri in una nota – Un’opportunità programmata assieme all’assessore Gotor e a Biblioteche di Roma mentre in parallelo seguiamo le fasi di realizzazione della nuova Biblioteca a via Costantino”.

Ads

LA STORIA DELLA STRUTTURA

Lo stabile in questione è tornato nel degrado e nell’abbandono dopo lo sgombero dell’occupazione abitativa Alexis avvenuto il 10 gennaio 2017. Lo stabile di proprietà della Acea era stato occupato il 6 dicembre del 2012 e, da subito, venne dedicato ad Alexis Grigoropolus, un ragazzo di 16 anni ucciso dalla polizia in Grecia nel 2008. L’Alexis da dal 2015 era stato inserito nel percorso della Delibera Regionale per l’emergenza abitativa, con un progetto di auto-recupero che comprendeva 10 appartamenti, uno spazio sociale e la libreria indipendente ‘Piuma di Mare’.

I POLI MUNICIPALI

Quello che potrebbe realizzarsi ad ostiense sarebbe il quinto polo bibliotecario municipale, dopo quello (ancora da aprire) che arriverà a San Paolo in via Costantino. Due nuovi poli arrivano dopo l’apertura della Biblioteca “Arcipelago”, in via Benedetto Croce, dell’Approdo, nella scuola La Casa dei Bimbi a Garbatella, e del punto di prestito di Biblioteche di Roma all’interno del Coworking Industrie Fluviali, a Ostiense.

Leonardo Mancini

Previous articleStop al traffico il 13 marzo per la domenica ecologica
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 6.136 i nuovi casi positivi