Home Notizie Cronaca Roma

Parco di Tor Marancia: l’AFA 3 ancora chiuso a causa della burocrazia capitolina

A bloccare l’apertura è una particella del Parco ancora non entrata nel Patrimonio comunale

SHARE

MUNICIPIO VIII – Resta ancora interdetto l’accesso all’interno dell’AFA 3 di Tor Marancia, l’area della tenuta tra via Grotta Perfetta e via Vittore Carpaccio. L’apertura di questa nuova porzione del Parco di Tor Marancia (che conterà in totale più di 200 ettari all’interno del Parco dell’Appia Antica) sarebbe dovuta avvenire già da mesi. In prima battuta è stato un problema di collegamento alla rete idrica a far ritardare l’inaugurazione, ma ora il taglio del nastro è bloccato da un nodo burocratico difficile da sciogliere.

L’AFA 3 ANCORA CHIUSO

I motivi di questi ulteriori ritardi sono stati resi noti a dicembre (durante un sit-in organizzato dagli esponenti locali del Pd) e in un successivo sopralluogo (a metà gennaio) della maggioranza municipale assieme ai rappresentanti del consorzio. L’area del Parco di Tor Marancia negli anni ’90 venne strappata alla speculazione urbanistica grazie alla mobilitazione di cittadini, associazioni e politica, fino ad entrare a far parte del Parco dell’Appia Antica nel 2002, con una specifica Delibera dell’Assemblea Capitolina. Le cubature che si sarebbero dovute edificare in questa zona vennero spostate (e compensate) in varie parti della Capitale. Al momento sarebbero proprio alcune di queste cubature a creare i ritardi nell’apertura dell’AFA 3. Infatti una particella del Parco non sarebbe ancora entrata a far parte del patrimonio comunale e i privati non avrebbero ancora visto compensate le cubature previste.

I DUE ATTI DI FDI

Nella giornata di oggi sono stati protocollati due atti a firma degli esponenti di Fdi in Municipio VIII e in Campidoglio. In via Benedetto Croce i consiglieri Mevi, Buonincontro e Federici chiedono che il Presidente e gli assessori competenti si facciano portavoce delle richieste dei cittadini, che non aspettano altro se non l’apertura di questa importante porzione di parco. Allo stesso modo in Campidoglio gli esponenti di Fdi chiedono che si faccia chiarezza e che si proceda velocemente ad acquisire a patrimonio la particella catastale fin qui dimenticata: “È inammissibile che l’accesso del parco sia ancora chiuso – commenta il consigliere capitolino Andrea De Priamo – Si configura un gigantesco danno erariale, senza pensare a tutti gli anni persi in precedenza a causa di un contenzioso. Abbiamo presentato sia in Capidoglio che in Municipio VIII dei documenti per sollecitare la Sindaca e la sua Giunta a risolvere immediatamente i problemi tecnici che impediscono l’apertura del parco”.

L’INCONTRO CON L’ENTE PARCO

Intanto nella giornata di ieri si è tenuta una riunione organizzata dall’Ente Parco dell’Appia Antica del Tavolo Tecnico per il Parco di Tor Marancia. Presente alla riunione anche il minisindaco Ciaccheri: “Finalmente grazie alla direttrice Alma Rossi e l’iniziativa congiunta con l’Ente Parco Regionale dell’Appia Antica abbiamo riunito finalmente il tavolo tecnico per la realizzazione di questa opera straordinaria per la città – afferma Ciaccheri – Alla Sindaca Raggi ora l’onere di rispondere urgentemente a uno stallo che rischia di inficiare i lavori ormai pressoché ultimati per l’apertura delle aree attrezzate di via di Grotta Perfetta e di tutto il restante piano di realizzazione”.

Leonardo Mancini