Home Municipi Municipio VIII

Rimpasto di Giunta in Municipio VIII, Paola Angelucci ai Lavori Pubblici

Dopo le dimissioni dell’Arch. Patrizia Ricci e la consigliera di Super 8 ad assumere la delega ai Lavori Pubblici, mentre l’Urbanistica per il momento resta nelle mani del Presidente Ciaccheri

SHARE
municipio8occupato2

MUNICIPIO VIII – È stato il Presidente Ciaccheri a rendere ufficiale, anche se la voce girava da diversi giorni per i corridoi del Municipio VIII, un cambio alla guida di un assessorato chiave della sua Giunta. Parliamo di due deleghe pesanti, quella ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica, ricoperte fino a pochi giorni fa dall’Arch. Patrizia Ricci, già Direttrice del Municipio VIII. Dopo le dimissioni della Ricci, annunciate dal minisindaco durante il Consiglio Municipale del 9 settembre, sarà la consigliera di Super8, Paola Angelucci, ad entrare in Giunta. Il Presidente Ciaccheri manterrà per sé la delega all’Urbanistica, mentre la neo-assessora Angelucci avrà le deleghe ai Lavori Pubblici, Cura del Territorio e lotta all’Abusivismo Edilizio.

L’ANNUNCIO IN CONSIGLIO

Abbiamo raggiunto il Presidente Ciaccheri che ha voluto in primis ringraziare l’assessora uscente “per lo straordinario lavoro e apporto dato in questi mesi in giunta per tutto il territorio. L’assessora Ricci ha dato un contributo fondamentale per la ripartenza del Municipio dopo un commissariamento deleterio e sono felice di poter proseguire con lei una collaborazione preziosa che si misurerà ora sul piano cittadino all’interno del Comitato Scientifico di Liberare Roma, portando la sua esperienza professionale e politica a beneficio di un progetto di rilancio della città”. Poi sul ruolo della nuova assessora Angelucci: “Entra in squadra Paola Angelucci per dare continuità al lavoro fin qui svolto dalla Giunta con una delega ancora più incentrata sulla cura dei lavori pubblici nel nostro Municipio – seguita Ciaccheri – L’Assessora Angelucci porta una grande esperienza politica necessaria oggi a portare a termine partite nodali sulla cura e manutenzione della territorio in un dibattito sempre più serrato e acceso con gli uffici centrali di Roma Capitale”. Un augurio di buon lavoro arriva anche dal Pd con il consigliere e presidente della Commissione Urbanistica, Luca Gasperini: “Voglio augurare un buon lavoro a Paola Angelucci. In un territorio complesso come questo i Lavori Pubblici rappresentano un campo importantissimo e complesso sul quale ci sarà sicuramente da lavorare. Allo stesso tempo non posso che ringraziare Patrizia Ricci per quanto fatto prima nel ruolo di Direttore del Municipio e poi come assessore di questa Giunta”.

I LAVORI PUBBLICI COME SERVIZIO SOCIALE

Non è la prima volta che Paola Angelucci ricopre un incarico di Assessore, essendosi già occupata di Lavori Pubblici e di Scuola nelle Giunte guidate da Andrea Catarci. “Sono soddisfatta di questo incarico, per me i Lavori Pubblici sono una passione, il primo Servizio Sociale di un territorio. Il benessere parte da quello che ogni cittadino trova sotto casa, dai marciapiedi alle strade, fino ai parchi e alle infrastrutture”. Elementi centrali del lavoro dei prossimi mesi per Paola Angelucci saranno la sicurezza dei pedoni, dei cantieri e soprattutto “la percezione dei Lavori Pubblico come servizio fondamentale”. La nuova Assessora ha commentato la scelta del minisindaco Ciaccheri di affidare a lei queste deleghe, definendola come un “rinnovato riconoscimento ad una storia, ad un certo modo di fare politica e ad una comunità che si riconosce in me attraverso il mio amore per il territorio. Una spinta che farà la differenza in una città abbandonata in corsa per le nuove elezioni”. Naturalmente non mancano i ringraziamenti per l’assessora uscente: “Ringrazio Patrizia Ricci per il percorso fatto fin qui. Il suo ruolo di tecnica è stato fondamentale per la relazione con gli uffici, soprattutto se pensiamo che il nostro Municipio arriva da un lungo commissariamento”.

LE CRITICHE DELLE OPPOSIZIONI

Non appena ufficializzato il passaggio di consegne sono partite le critiche da parte dell’opposizione. Dalla Lega il Consigliere Simone Foglio ha sottolineato che “cambiare un assessore è sempre qualcosa che fa sembrare zoppicante un’amministrazione. Inoltre – aggiunge – quando questo avviene ormai al termine della consiliatura lascia la sensazione che sia una scelta dettata più da ragioni di opportunità elettorale che da reali necessità amministrative”. Anche il M5s si è espresso in merito a questo cambio di composizione della Giunta. Il capogruppo, Enrico Lupardini, ha voluto riportare alcune “voci di corridoio che parlano di dimissioni non spontanee ma utili a ristabilire gli equilibri nella maggioranza tra Pd e Super8. Inoltre – aggiunge Lupardini – il cambio di un assessore competente come la Ricci a nove mesi dalle elezioni mi sembra quantomeno inopportuno. Anche perché stiamo affrontando un periodo delicato per i lavori pubblici come la riapertura delle scuole con le necessità di intervento per rendere le aule agibili in relazione alle linee guida anti-covid”. La replica alle critiche arriva direttamente dalla neo-assessora: “nel tempo che rimane fino alle nuove elezioni si possono fare tantissime cose. È naturale che ci siano polemiche, ci sono sempre e spesso sono strumentali. Non si critica nel merito, magari i colleghi delle opposizioni hanno solo timore che un’impostazione più politica possa avere maggior peso sul territorio”.

Leonardo Mancini