Home Notizie Cronaca Roma

Roma70: per il Parco del Forte Ardeatino si avvicina la riqualificazione

Il Campidoglio comunica che presto saranno affidati i lavori, ma intanto in Municipio VIII si lavora per ampliare gli interventi

SHARE

ROMA70 – È in via di affidamento l’appalto per la riqualificazione del parco del Forte Ardeatino, un’area verde di circa 5,5 ettari a Roma 70. I lavori fanno parte degli interventi decisi all’interno del processo partecipativo online del 2018 per l’utilizzo degli oneri derivanti dalle edificazioni di Piazza dei Navigatori. Un progetto richiesto fortemente dai cittadini della zona, al pari di quello sul Campetto di Piero (ancora in corso).

IL PARCO E IL DEGRADO

Negli anni il Parco del Forte Ardeatino è stato manutenuto in maniera saltuaria, venendo spesso segnalato per episodi di vandalismo o di estremo degrado. Ora però gli interventi previsti sembrano essere piuttosto ingenti e potrebbero migliorare sensibilmente le condizioni dell’area. Da parte del CdQ Grotta Perfetta, che ha stimolato l’approvazione di questo progetto anche all’interno del processo partecipativo online, c’è la massima attenzione alla riqualificazione che dovrebbe prendere il via: “Siamo rimasti in costante contatto con il Dipartimento per valutare l’avanzare di questo progetto – ha commentato il presidente del CdQ, Mario Semeraro – ora aspettiamo di predisporre un incontro sul posto anche con i cittadini per far conoscere a tutti questo intervento. Inoltre – aggiunge Semeraro – continueremo a seguire i lavori, per assicurarci che tutto venga realizzato nel migliore dei modi e se ci sia margine per migliorare alcuni aspetti del progetto”.

LA STORIA DELL’AREA

Il Parco ha un’estensione enorme, ma per l’80% purtroppo non è accessibile. Questo perché al centro dell’area ci sono i resti del Forte, inaccessibili e solo parzialmente bonificati. La storia dell’area parte nel 1882, anno in cui il Forte Ardeatino è entrato a tutti gli effetti all’interno del perimetro difensivo di Roma. Verrà poi preso in carico dal Comune soltanto cento anni dopo, nel 1982, con una denominazione nel Prg (Piano Regolatore Generale) di ‘verde pubblico’, tanto da far ricadere l’area all’interno dei PVQ (Punto Verde Qualità 11.2 Forte Ardeatino). Un progetto finito nelle aule dei tribunali, tanto da bloccare la riqualificazione del Parco, portata avanti con i fondi del vicino Centro Commerciale solo nel 2005. Il Progetto del PVQ oltre alla riqualificazione del parco prevedeva anche la ristrutturazione del Forte e l’apertura al suo interno di un ostello per la gioventù. Purtroppo la struttura non ha mai visto nessun tipo di intervento, tolto quello parziale di bonifica da parte del Genio Militare.

DONAZIONE URLO-1

GLI INTERVENTI IN PROGRAMMA

Per realizzare il progetto di riqualificazione saranno impiegati 250mila euro (circa 223mila il costo dei lavori più le spese fisse) derivanti dagli oneri delle edificazioni di Piazza dei Navigatori, così come indicato dai cittadini durante il processo partecipativo online. Il restyling prevede la creazione di due aree gioco, il rifacimento dei viali, la riparazione o la sostituzione della recinzione in legno in via di Grotta Perfetta e l’installazione di una nuova recinzione di protezione, al posto di quella esistente, all’interno del parco. Sono previsti anche interventi sul verde verticale con la potatura e messa in sicurezza delle alberature. Due aree ludiche verranno realizzate in corrispondenza dell’accesso del Centro Commerciale e sul lato di via di Grotta Perfetta e saranno dotate di pavimentazione antitrauma, altalene doppie, casetta inclusiva, giochi a molla e strutture complesse.

METTERE IN SICUREZZA IL PARCO

Ad annunciare l’avanzamento dell’iter di affidamento dell’appalto è stata l’assessora comunale al Verde, Laura Fiorini: “Il progetto è stato redatto dai tecnici del Dipartimento Tutela Ambientale tenendo conto delle indicazioni della Soprintendenza, essendo l’area soggetta a vincoli, e sulla base delle richieste dei cittadini, esplicitate nel corso di una serie di incontri e sopralluoghi – afferma – Anche in questo caso è emersa come priorità la necessità di mettere in sicurezza il parco, a partire dalla sistemazione dei viali dissestati, con una serie di interventi strutturali”. Anche in Municipio VIII pongono massima attenzione sul progetto: “Lo abbiamo seguito in tutte le sue fasi – spiega l’assessore all’Ambiente, Michele Centorrino – Questo perché vogliamo che vengano realizzati completamente i progetti, così come sono stati prospettati ai cittadini durante il processo partecipativo”. Affermazioni che valgono anche per gli altri interventi sui parchi in programma: “Aspettiamo di sapere quando partiranno i lavori sul parco di via della Fotografia – seguita Centorrino – e come si interverrà su quello di via Badia di Cava

SI TORNA A PARLARE DELLA VALORIZZAZIONE DEL FORTE

Per il momento degli interventi migliorativi al progetto sembrano essere all’orizzonte, ma non arriverebbero dal Comune, bensì dall’Ente Parco Appia Antica, visto che quest’area è in stretta continuità con il suo territorio. A parlarne è il minisindaco del Municipio VIII, Amedeo Ciaccheri: “Grazie alla collaborazione con la regione Lazio implementeremo il progetto con ulteriori strutture e servizi per il quartiere, sempre che non si sovrappongano nuovi ostacoli dal Campidoglio, questi ulteriori miglioramenti nascono dalla collaborazione con il Parco Regionale dell’Appia Antica”. Resta però sul tavolo la riqualificazione e la vlaorizzazione del Forte Ardeatino, una questione fino ad ora mai presa in considerazione: “Questa poteva e doveva essere una occasione straordinaria per l’utilizzo dei fondi a disposizione per il recupero di questa ed altre strutture similari nella città – seguita Ciaccheri – Su questo faremo una proposta alla Sindaca perché questo parco riqualificato trovi finalmente una occasione di completamento con la valorizzazione storico monumentale ma anche funzionale del Forte Ardeatino”.

Leonardo Mancini