Home Municipi Municipio VIII

Roma70: una nuova strada mette a rischio il Barcellona Caffè, ma il Municipio parla di spostamento

La nuova arteria proveniente dall’I-60 attraverserà l’area che ospita il Barcellona Caffè. I gestori lanciano una petizione, ma il Municipio VIII replica: “Nessuna chiusura, solo uno spostamento di pochi metri”

SHARE

ROMA70 – Ancora una volta è l’intervento urbanistico I-60 a tenere alta l’attenzione sul Municipio VIII e più precisamente sul quadrante di Roma 70. Questa volta non si parla delle nuove edificazioni o del Fosso delle Tre Fontane, ma bensì della strada che collegherà il quartiere a via Bianchini, una vera e propria parallela di via Grotta Perfetta, che servirà proprio ad alleggerire il peso del traffico su questa già congestionata arteria. Il problema riguarderebbe un’attività commerciale, il Barcellona Caffè, che si trova sulla traiettoria della nuova strada che verrà edificata presumibilmente quest’anno. Il dipartimento competente in merito è il PAU del Comune di Roma, che si dovrà occupare di monitorare la realizzazione del collegamento e di una rotatoria che regolamenterà l’incrocio tra via Rigamonti, Nuvolari, Bianchini e la nuova strada proveniente dall’I-60.

LA PETIZIONE

Una volta appreso del progetto i gestori del frequentatissimo chiosco (diventato nel tempo un vero e proprio punto di aggregazione per i giovanissimi del quartiere e che conta 18 occupati) hanno lanciato una petizione online per cercare di salvaguardare la loro attività. Il testo, che al momento ha raccolto più di 2.500 firme, si scaglia apertamente contro la realizzazione di questa strada e contro il Municipio VIII, accusato di non aver comunicato nulla su questa vicenda e di non aver supportato le attività del Barcellona Caffè. “Negli anni abbiamo sempre seguito con interesse la questione viabilità e più volte richiesto al Municipio VIII informazioni in merito, ricevendo sempre rassicurazioni sul fatto che la strada sarebbe passata nel parcheggio adiacente l’area verde di Via Mario Bianchini, senza creare danni al Barcellona Caffè – scrivono i gestori – Consultando ad oggi il piano regolatore, aggiornato nel 2016, ci accorgiamo invece che lo sbocco della nuova viabilità è precisamente in corrispondenza del Barcellona Caffè. Ed è forse questo uno dei motivi per cui negli anni l’Amministrazione municipale non ha mai sostenuto l’attività e le tante iniziative promosse”.

LE CRITICHE DA PARTE DEI GESTORI

Sono dure le parole dei gestori, che non vedono soluzioni a questa vicenda: “C’è tanto rammarico per come sono andate le cose. C’è rabbia per le tante menzogne, per i problemi che ogni volta sorgevano, per i tanti raggiri e le assurde ed incomprensibili contestazioni a cui negli anni abbiamo assistito senza, almeno fino ad ora, un ragionevole motivo da parte dell’amministrazione Municipale. Ad oggi, tutto ciò ha portato alla perdita di un’attività commerciale, portando via con essa i sacrifici, i sogni e le speranze di tre giovani imprenditori. Ma soprattutto ha provocato la perdita di 18 posti di lavoro”.

LA REPLICA DEL MUNICIPIO VIII

Abbiamo voluto chiedere conto al Municipio VIII di questa vicenda così sentita nel quartiere. Dalla presidenza hanno rassicurato che quando partiranno i lavori per la nuova strada (la cui data ancora non è stata decisa) le attività del Barcellona dovranno fermarsi per pochi giorni, necessari ad effettuare lo spostamento del Chiosco di pochi metri. L’assessore municipale al Commercio, Leslie Capone, ha così commentato la vicenda: “Mi auguro che posano essere tutelati e salvaguardati tutti i posti di lavoro anche con lo spostamento dell’attività – e ancora – In questo momento si deve avere un’attenzione particolare sia per i lavoratori che per i punti di aggregazione”. Dall’assessorato municipale ai Lavori Pubblici anche Paola Angelucci ha sottolineato l’importanza di questo intervento e che si sta lavorando perché il passaggio della strada non incida sul Barcellona Caffè: “Stiamo seguendo attentamente la situazione di questa strada, che è uno degli interessi maggiori da parte del territorio, servirà a non gravare maggiormente su Via di Grotta Perfetta. Nessuno vuole far chiudere le attività commerciali. Queste potranno essere spostate di pochi metri senza nessun onere per i gestori o per il Municipio. I costi saranno a carico del consorzio di costruttori che realizzerà la strada che, lo ricordiamo, è un’opera pubblica inserita originariamente nella convenzione e nel Piano Regolatore”.

VERSO I LAVORI E LO SPOSTAMENTO

Al momento l’attività sembra quindi essere stata salvaguardata. Si parla solamente di pochi giorni di chiusura necessari allo spostamento, che avverrà nel momento in cui partiranno i lavori che coinvolgeranno il chiosco. Ancora non sono chiari i tempi degli interventi che, dal Municipio VIII hanno definito ‘prossimi ma non immediati’. In ogni caso questa vicenda ha coinvolto e fatto attivare tantissime persone non solo tra i residenti del quartiere, è chiaro quindi che l’attenzione sul futuro della strada e di questa attività commerciale non calerà nelle prossime settimane.

Leonardo Mancini