Home Cultura Libri

San Paolo: la Biblioteca di via Costantino aprirà entro l’anno

Mancano ancora degli interventi, ma da Biblioteche di Roma l’impegno è di far partire i lavori al più presto e aprire i battenti entro il 2022

SAN PAOLO – Presto anche a San Paolo sarà attiva una biblioteca. Una promessa che l’amministrazione municipale ha lanciato già diversi mesi fa e che ora sta facendo enormi passi avanti. L’annuncio di questo nuovo spazio a San Paolo avvenne nel gennaio del 2020, durante l’inaugurazione della Biblioteca ‘Arcipelago’ in via Benedetto Croce. Allora si parlò della realizzazione di un polo bibliotecario in uno spazio di 500mq recuperato in via Costantino. La progettazione e i lavori si sarebbero dovuti concludere a fine 2020, purtroppo l’emergenza sanitaria ha rallentato l’iter che solo oggi sembra però essere a buon punto.

Ads

LAVORI CONCLUSI ENTRO L’ANNO

Le ultime informazioni sulla struttura arrivano da una seduta congiunta delle commissioni Cultura del Municipio VIII e del Comune di Roma, avvenuta il 21 febbraio scorso. Da Biblioteche di Roma c’è la notizia che i lavori per concludere la sistemazione dello spazio dovrebbero partire a breve e che l’apertura della biblioteca sarebbe prevista entro il 2022. Al momento nella struttura mancano ancora degli impianti, il progetto dovrà essere presentato e validato dal Genio prima di poter fare una manifestazione d’interesse e far partire i lavori. È la consigliera Pd e Presidente della commissione municipale Cultura, Monica Rossi, a dirsi soddisfatta “di questo intervento importantissimo in un’area come quella di San Paolo che aspetta da tempo la nascita di un polo bibliotecario”. Al momento non ci sarebbe ancora un nome per identificare questo spazio, anche se visti i precedenti con Moby Dick, Arcipelago e Approdo, tutto farebbe pensare ad una denominazione di ispirazione marinaresca: “Ancora non lo abbiamo definito – seguita Monica Rossi – ma siamo certi che anche in questo caso lo spazio e il nome non deluderanno le aspettative dei cittadini”.

UNO SPAZIO IMPORTANTE PER IL TERRITORIO

Sulla biblioteca è intervenuto in una nota il gruppo municipale del Pd parlando dell’esigenza di progettare questi spazi come “un vero e proprio centro polifunzionale che guarda alle esigenze dei giovani e dei giovanissimi. La progettazione dello spazio non può non tener conto della vitalità del quartiere che, anche grazie all’ateneo Roma Tre, ha davanti un futuro di crescita e sviluppo in chiave socio-culturale – seguitano i consiglieri democratici – Continueremo a contribuire al percorso che Biblioteche di Roma sta perseguendo per poter arrivare all’apertura di questo nuovo servizio entro l’anno, chiedendo al Campidoglio di investire su personale bibliotecario e nuove infrastrutture tecnologiche per le nostre biblioteche”. La presidente della Commissione Cultura in Campidoglio Erica Battaglia e la consigliera comunale del Pd Antonella Melito, fanno eco ai colleghi municipali, sottolineando come “Roma ha bisogno di nuovi spazi dedicati ai più giovani, alla cultura e ai libri, tanto più in un’area come quella che abbiamo visitato oggi in cui vivono molti studenti e insiste un’Università importante come Roma Tre. Ci impegniamo a sostenere il lavoro profuso in questi anni dal Municipio VIII e ringraziamo Biblioteche di Roma per la celerità comunicata oggi circa l’apertura di questo spazio entro la fine dell’anno”.

A SAN PAOLO IL QUARTO POLO MUNICIPALE

Quello che aprirà a San Paolo in via Costantino sarà il quarto polo bibliotecario inaugurato negli ultimi anni sul territorio, dopo il termine della convenzione con il Caffè Letterario di Ostiense, che ha ospitato per anni i volumi della vecchia biblioteca degli ex Mercati Generali. Questo nuovo polo arriva dopo l’apertura della Biblioteca “Arcipelago”, in via Benedetto Croce, dell’Approdo, nella scuola La Casa dei Bimbi a Garbatella, e del punto di prestito di Biblioteche di Roma all’interno del Coworking Industrie Fluviali, a Ostiense.

Leonardo Mancini

Previous articleRoma, Metro: sulla Linea A un treno vestito di giallo e blu
Next articleFormula E: si guarda alla mobilità dell’EUR in vista delle gare del 9 e 10 aprile