Home Municipi Municipio VIII

Street Art: un nuovo look per la metro Garbatella

Un nuovo ecomurales dell’artista romana Michela Picchi realizzato grazie alla collaborazione di gelati NUII e Yourban 2023

ROMA – La stazione metro Garbatella di rifà il look. Una nuova veste, tutta ecosostenibile, realizzata grazie ad un progetto di riqualificazione urbana che unisce arte, sostenibilità e attenzione al territorio. Il noto brand internazionale di gelati NUII del gruppo Froneri, in collaborazione con Yourban 2030, nella giornata di ieri, ha infatti presentato il nuovo ecomurales dal titotlo “Asa bove so below”, realizzato dall’artista di fama internazionale Michela Picchi. “”Un ambiente bello e sano in cui vivere è fatto di tanti elementi, dal verde, dal decoro, dalla qualità ambientale, dall’arte – ha commentato l’Assessora capitolina all’Ambiente, Sabrina Alfonsi – Ringrazio NUII e Yourban 2030 per aver voluto donare questo murales mangia smog alla città: un’iniziativa bella che migliora lo spazio pubblico, parla alla città di sostenibilità e solidarietà, ma che soprattutto accende l’attenzione e sensibilizza le persone che attraversano la stazione di Garbatella sull’importanza della qualità dell’aria, dell’abbattimento delle emissioni e del contenimento del nostro impatto sul pianeta”.

“Per mestiere io e i miei colleghi di Froneri facciamo i gelatai – ha commentato all’inaugurazione l’AD di Froneri Italy, Luca Regano –  Abbiamo il privilegio di lavorare a fare un prodotto che è associato con il sorriso e con bei ricordi delle vacanze estive. Quando il mio team mi ha proposto di supportare l’iniziativa di Yourban 2030 con il nostro NUII e decorare un luogo dove ogni giorno passano migliaia di persone per renderlo più allegro oltretutto in maniera sostenibile, ho pensato fosse una grande idea”.

Ads

L’ECOMURALES

Quello realizzato davanti la stazione metro Garbatella è murales che non è solo un’opera d’arte, ma grazie all’utilizzo di pitture fotocatalitiche e purificatrici d’aria, contribuisce a migliorare la qualità dell’aria nella zona circostante, offrendo un impatto ecologico positivo pari a circa 12 alberi piantati.

Quest’opera dell’artista romana Michela Picchi va oltre l’estetica, offrendo ai passanti una vera e propria esperienza di escapismo. Attraverso la sua palette e le sue forme che rappresentano la firma dell’artista, l’osservatore verrà trasportato in un ambiente onirico e a contatto con la natura e con i suoi elementi, invitandolo a vivere una vera e propria fuga visiva dalla frenesia urbana. L’opera, inoltre, è accompagnata da un QR Code che basterà inquadrare per ascoltare la traccia audio “Escapism Reverie” realizzata e creata dal producer, Andrea Marra. Basterà un click per farsi trasportare dal sound creato appositamente per l’opera, dando così vita a un momento di condivisione collettiva. Questo trasforma il viaggio di turisti e romani in una fuga “aumentata” da immagini e suoni, in cui arte, musica e spirito di avventura si incontrano per scoprire insieme gli elementi della natura.

GLI INTERVENTI IN MUNICIPIO VIII

“Curare i luoghi in cui viviamo, quegli spazi di passaggio vissuti velocemente, restituendoli alla cittadinanza come momenti di bellezza e riflessione, è una delle missioni che sentiamo più nostre – ha commentato Veronica De Angelis di Yourban 2030 – Dopo essere stati pionieri di ecomurales e mosaici urbani in bioresina e smart, crediamo che in Italia ci sia un nuovo approccio da sbloccare, una call to action che passa dal pubblico al privato. Coinvolgendo aziende e brand, la responsabilità sociale d’impresa diventa fondamentale per implementare nuove visioni e interventi sostenibili. Da qui nasce la collaborazione con Nuii per restituire alla città uno spazio che fa parte della quotidianità dei romani, simbolo della città eterna, in un quartiere che ha visto nascere le nostre prime progettualità, poi esportate in tutto il mondo”.

È infatti sul territorio del Municipio VIII che sono stati realizzati da Yourban 2030 i primi interventi con le pitture fotocatalitiche, ad esempio il grande murales di via del Porto Fluviale dal titolo “Hunting Pollution”, oppure ‘Outside In’ in via Tessalonica, o “Walking into the future” in via Temistocle Calzecchi Onesti.

“Ancora una volta grazie alla collaborazione con Yourban 2030 il sostegno di NUII uno spazio pubblico si trasforma e racconta una nuova storia – Ha dichiarato Amedeo Ciaccheri, Presidente del Municipio VIII – La Stazione della Metropolitana di Garbatella ogni giorno è attraversata da migliaia di persone e qua si intrecciano le vite di chi Roma la vive ogni giorno e di chi invece ne è turista per la prima volta. Che una piazza possa diventare un’opera d’arte è una scommessa che siamo felici di aver intrapreso restituendo bellezza a un luogo che più di altri ne ha bisogno. Una collaborazione pubblico privato che funziona e che rappresenta uno dei modi più efficaci per mostrare il volto di un distretto della creatività che può migliorare la qualità della vita delle persone anche così, grazie a un’esperienza urbana di inciampo in un’opera artistica inattesa”.

LE PITTURE FOTOCATALITICHE

Infine, sempre a margine dell’inaugurazione, è ancora l’Assessora Alfonsi a ricordare come anche il Comune stia prendendo in considerazione le pitture fotocatalitiche: “Con il dipartimento ciclo dei rifiuti stiamo studiando approfonditamente questa soluzione innovativa e tecnologica delle pitture foto catalitiche e stiamo immaginando degli interventi sui territori per migliorare la qualità dell’aria e la qualità ambientale dei luoghi, grazie anche a questa metodologia”. Infatti nel gennaio scorso è arrivato l’ok dall’Assemblea Capitolina per l’utilizzo di queste vernici nelle opere pubbliche e nelle manutenzioni ordinarie e straordinarie sul territorio romano.

LeMa