Home Municipi Municipio VIII

Testamento Biologico: in Municipio VIII apre lo sportello informativo

L’iniziativa è stata pensata con la ASL Roma 2 per sensibilizzare e informare i cittadini sulle disposizioni anticipate di trattamento

MUNICIPIO VIII – Apre i battenti domani 10 luglio dalle ore 15.30 alle 17, presso il box al primo piano, in via Benedetto Croce 50, lo sportello municipale dedicato al Testamento Biologico.

Il Municipio VIII, con l’intento di promuovere la conoscenza delle disposizioni anticipate di trattamento tra la cittadinanza e offrire un’informazione consapevole nella compilazione della modulistica, ha deciso di attivare questo sportello informativo.

Ads

“Apre domani lo sportello informativo in collaborazione con il Distretto 8 e la Casa della Salute della ASL Roma 2, sul testamento biologico e le disposizioni anticipate di trattamento – commenta l’Assessora municipale alle Politiche Sociali, Alessandra Aluigi – Nell’alveo dei grandi temi dei diritti si tratta di un tema molto grande e importante sull’autodeterminazione delle persone. Abbiamo voluto aprire questo sportello, che da settembre sarà attivo una volta al mese, per far conoscere alla cittadinanza questa possibilità e fornire un supporto non solo informativo ma anche nella compilazione. Questo perché le disposizioni anticipate di trattamento prevedono di lasciare dichiarazioni piuttosto specifiche, in questo la ASL poteva fornire un supporto informativo di qualità e superiore”.

Le disposizioni anticipate di trattamento, comunemente definite “testamento biologico” o “biotestamento”, sono infatti regolamentate della Legge 219 del 22 dicembre 2017, entrata in vigore il 31 gennaio 2018. Questa Legge prevede la possibilità per ogni persona maggiorenne, capace di intendere e di volere, di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto su accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche, singoli trattamenti sanitari in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte.

Redazione