Home Municipi Municipio VIII

Tiberis: online il bando per il periodo estivo della spiaggia sul Tevere

Il Sindaco Gualtieri conferma l’iniziativa lanciata dalla Raggi, ma punta a creare un parco attivo tutto l’anno

MARCONI – L’amministrazione Gualtieri ha deciso di proseguire l’esperienza della Spiaggia Tiberis sotto Ponte Marconi avviata (non senza problemi) nella passata consiliatura dalla Sindaca Raggi.

LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Online in questi giorni è apparso il bando per le realtà private che vogliano prendere in gestione il servizio dal 15 giugno con un valore stimato della concessione di circa 120mila euro. Sdraio e ombrelloni durante il giorno, per poi passare ad eventi culturali e non solo al calare del sole. Da quanto si evince dalla manifestazione di interesse il servizio sarà attivo dal 15 giugno al 15 settembre dalle 8.00 alle 24.00 dal lunedì al giovedì mentre nel fine settimana si chiude all’una di notte. Nelle prossime settimane vedremo se, come da tradizione, la spiaggia verrà anche quest’anno attrezzata in ritardo, dato che spesso le manifestazioni di interesse finivano deserte, senza nessuna realtà privata interessata all’iniziativa.

Ads

IL POST TIBERIS

A quanto si apprende la volontà del Comune sarebbe quella di realizzare l’attrezzaggio permanente dell’area, rendendola un parco stabile anche dopo il termine delle attività di Tiberis. In particolare infatti il Comune si occuperà di realizzare, oltre ai campi da beach volley, anche l’impianti idrico, elettrico e un serbatoio per l’acqua. Inoltre, sempre a quanto si apprende la gestione di quest’area verde, dopo il 30 agosto, dovrebbe passare nelle mani del Municipio VIII. In autunno poi si prevedono ulteriori interventi per completare il parco con altri arredi, come panchine e fontanelle.

IL RISCHIO FLOP

Critiche per la riproposizione della spiaggia Tiberis arrivano dall’Associazione ambientalista Ecoitaliasolidale: “Tiberis prosegue ad essere percepita come una sperimentazione, inutile e costosa, poco frequentata, proponiamo magari di dare priorità ai lavori del parco sul Tevere e di riqualificare l’intera area da Marconi ad Ostiense. Inoltre la nostra proposta è di realizzare un unico Ente gestore del Tevere che si occupi di un progetto complessivo e non certo di una piccola e poco funzionale spiaggia – e ancora – Un progetto che possa prevedere la riqualificazione del tratto fluviale, la depurazione delle acque, la piena navigabilità del fiume, sia per la mobilità alternativa che per lo sviluppo turistico della città. Probabilmente – concludono dall’Associazione – l’esperimento estivo del “Lido” a Ponte Marconi, riprenderà nella quinta   edizione, fra mille incognite ed il timore, anche con il nuovo Sindaco, che si possa ripetere il flop delle precedenti edizioni”.

LeMa

Previous articleIn Municipio VIII una panchina bianca in ricordo di David Sassoli
Next articleRoma: nuovo open day per la Carta d’Identità Elettronica